eneabiumi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Tutto è già stato detto di ciò che si può dire.
Non rimane che un eterno inanellarsi di parole:
una cascata di già detto,
di già visto, di già so,
che riempie le pagine della letteratura.
La poesia ripete se stessa.
Ma sta proprio in questo la sua forza.
E la sua affascinazione.
Come un fiume nel suo continuo divenire,
la scrittura offre istanti sempre diversi.
Insomma. Cambiano i tempi, le epoche, le ore ed i giorni.
Cambiano gli uomini, le loro abitudini, le loro affabulazioni.
Ma la letteratura rimane la stessa.
Pur in una miriade di variazioni. E di note.
Forse solo ora comprendo fino in fondo Eraclito col suo "πάντα ῥεῖ".
Tutto scorre, è vero. In un ciclo ininterrotto di vita e di morte.
Di fantasia e di realtà. Di prosa e di poesia.
Sta a noi scoprirne i segreti. Carpirne le novità.
Anche, anzi, soprattutto, di ciò che già è stato detto.
Di ciò che già è stato fatto.
Di ciò che già è stato scritto.

(Tratto da: L'arte del mentire di Marzia Labienis Marrone - II secolo d.c. - Edito dalla Casa Editrice fiorentina II bugiardo. 1913)

Avviso importante per i lettori

Questo sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge 62/2001.

Nel rispetto del provvedimento emanato dal Garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si potrebbe servire di cookie, ad esempio per effettuare analisi statistiche completamente anonime.
Pertanto, proseguendo con la navigazione, si presta il consenso all'uso dei cookie.


Torna ai contenuti | Torna al menu