Elena Fiume - eneabiumi

Vai ai contenuti

Elena Fiume

"È IL MIO CUORE IL PAESE PIÙ STRAZIATO": L'UMANO LIRISMO DEI LUOGHI
di Elena Fiume

 Uomo e spazio, luoghi e poesia; guardare, conoscere e riconoscere. Riconoscersi, forse. L'uomo adatta i territori a sé e i luoghi, così trasfigurati, diventano pura espressione di ogni suo aspetto, vizioso o virtuoso. L'opera di Enea Biumi si apre con un'intima visione del Seprio - storica regione della Lombardia- lirico, perché tornato a nuova vita. Ciò che circonda il poeta ed è da questi contemplato, diviene, nella sua mente, allegoria della storia dell'uomo.
"La notte, in un sol tempo, copre il giorno
e le speranze, invano lamentate.
 per vicendevole pietà - attorno
 
 è silenzio di cose contemplate-
(...)
 
 Ed una chiesa di stile barocco,
 incerta, si leva a forma di croce:
 e si quieta il passo allo scirocco
 
che improvviso insorge e, veloce,
verso una quercia arabesca, incolore,
mentre si spegne ora la mia voce:
 
e un apolide senso del dolore
investe ogni mio gesto, e le memoria
ricusa anche il passato, lo splendore
 
del tempo, architetto della storia,
pietra gelida del Seprio, annerita,
distrutta già per sempre la tua gloria
 
per tutti divenuta proibita.
E come questa torcia sui sentieri
che adombrano la vita ormai imbrunita
 
si smorzano nel buio i miei pensieri"

Passato e presente s'incontrano continuamente, come attori sulla scena. E la scena stessa, presente e vicina, porta le vestigia di un passato assai lontano, dimenticato dai più, dissacrato talvolta.

"Su putride acque
Acherontee
All'isola Virginia mi trasporti,
lagostagno
che smarrisci il cuore.
 
Nel caldo umido
Ferragostano
(Vexilla Regis Prodeunt Inferni)
 Oltre le alghe
L'anima
Si muore "

E l'uomo è sempre in movimento, sempre in ricerca. Una ricerca forse goffa, inutile, ma inevitabile perché costitutiva della sua stessa natura.

 "Siamo come Ulisse
 viaggiamo per scoprire
 con la luna che incorona
questa nostra vanità.
Siamo solo un 'ombra
stampata dal sole
su mura vecchie
di una vecchia città "

L'uomo è la sua storia. È questa che lo rende unico ed irripetibile, che lo differenzia dagli altri esseri umani, che lo contraddistingue in quanto singolo. Ma, al contempo, la sua natura è fondata su un paradosso: è la propria quella fondamentale diversità dagli altri che lo rende parte di un'unica comunità. Al di là delle differenze tutti gli individui condividono, infatti, la medesima umanità e questo permette al singolo di sentire ciò che l'altro sente, di creare quella "comunione d'amorosi sensi" che supera il particolare, l' hinc et nunc. L'intimo dialogo con i grandi uomini del passato è possibile proprio in virtù di questa caratteristica fondante la sua natura.

"Caro Amico e Poeta
 C'incontrammo -certo- all'Isla Negra
 In quel tuo memoriale d'infinito
 Tra le metafore del giorno e della notte
 Sul cammino dell'Inca derubato
 Tra i taxi cholo di Ayacucho e di Trujillo
 La dove Cèsar cantò
 La sua malinconia ".
                            
Ogni luogo porta i segni del passato, della sua sofferta storia, e la sensibilità kantianamente intesa, permette all'uomo dapprima di intuire il sensibile, poi di sussumere l'intuito sotto un unico principio ossia che lo scorrere del tempo è assolutamente ineluttabile.

 "Ecco cosa resta:
  un firmamento sordo,
  senza stelle, e la clessidra
  che mai più s 'arresta,
  capovolta solo per me:
  ribelle ".
 
                                                 Elena Fiume

(N. 49/2010 de IL FILOROSSO - semestrale di cultura diretto da Gina Guarasci)


Torna ai contenuti