un diavul par marì - eneabiumi

Vai ai contenuti

un diavul par marì

UN DIAVUL PAR MARÌ

Scherzo in tre atti
di GIULIANO MANGANO



La scena rappresenterà per tutti e tre gli atti un salotto di modesta eleganza di una famiglia piccolo-borghese.Nel fondo la comune ed una finestra, sul lato opposto alla finestra una credenza, sotto la finestra un divano, al centro un tavolo e un paio di seggiole. Da un lato ci sarà la porta che conduce nel salotto.
Il prologo rappresenterà l'inferno, con nel mezzo un trono.


DRAMATIS PERSONAE

PAOLINO MOIOLA, ul spos
FRANCA, la miee
RINA, mama dol Paolino
MYRIAM, sorela dol Paolino
LUIS, on amis
LELLA, ona amisa
MARIA, la suocera
JOSEPH FRANZ KUSTLY, profesor de psichiatria
DON SANTE DRAGONE, cerusigh
CONSUELO, colf
BELZEBU', diavol de segonda categoria
LUCIFERO



PROLOGO
(Lucifero -Belzebù)
Lucifero
A ghè on quaicoss che 'l quadra mia. Da on poo de temp in scià ol mè inferno al sa riempiss pù come 'na volta.
Belzebù
La sarà la crisi, come se ciama, demografica. Tasso di natalità: sotazero.
Lucifero
Credi no. Anca parchè i oman - i mas'c, voeuri dì - a vegnen giò a frott.
Belzebù
E alora se te ghet cos'è de lamentass?
Lucifero
Hinn i donn che se fann pù vidè da chì part chì! Suìtan a diminuì in continuazion.
Belzebù
Ona, come se ciama, crisi de vocazion, donca.
Lucifero
L'è propi inscì. Hinn passà chi bei temp dol Medio Evo, quand gavevi la supremazia su la maggioranza di donn.
Belzebù
Vera. Da quand ghè sta scià, come se ciama, l'inquisizion, i donn a te i hann gremà su tucc: strij e mia strij...
Lucifero
E pur, in quel secol chì, con tutte le femministe che ghè sta su la terra, i donn a hinn comincià a vegnì giò in gran quantità, comè in dol Medio Evo. Seri adrè a ciapà 'na bella rivincita in confront de quel de su là... e inveci...
Belzebù
E inveci?
Lucifero
E inveci i sondagg a disen che mò la mia personalità l'ha gà avù pres a i donn on calo dol 40%... Ehi! disi! dol 40%!

Belzebù
Cert che se se va avanti, come se ciama, inscì, a ghè de sta fresch!
Lucifero
L'è ben par quest che ho pensà a tì... In primo luogo perchè tì te set amis de tutti i professoroni de informatiga... e perciò te set pratigh de numer, de percentual e de sondagg... In secondo luogo tì te ghet ona gran esperienza, se me sbali no, de donn e de cose amorose...
Belzebù
Quest l'è vera! Sont ol guardiano dol girone de gli amanti! ( breve pausa) Donca, se devi fà?
Lucifero
Va' in su la terra, ciapa on bel giovin tra quei ch'hinn semper adrè a pensà de mazass a causa di donn, prometigh tutt quel ca'l voeur e cerca de fà on inchiesta ben fada. Inscì podarò finalment savè perchè ho perdù on mucc de simpatij pres i donn. Adess va'. Perd mia temp.
Belzebù
La toa volontà l'è anca la mea!
Lucifero
In bocca al lupo!
Belzebù
Ca'l crepa!



ATTO I

scena prima
( Paolino - Madre - Myriam )
( Paolino entra in scena rincorso dalla madre e dalla sorella. Compie due o tre volte il giro del tavolo)
Paolino
Mì a ga la foo pù. A l'è ona sofferenza troppa granda. Voeuri fala finida e par sempar!
Madre
No! Paolino no! Par amor de la toa mama!
Myriam
No! Paolino no! Par amor de la toa sorela!
Paolino
Sì! Paolino sì! Par amor de la Franca!
Myriam
Sù! Fatt coragg! Trass giò inscì l'è inutil: è inutile, dico. Te ghet on fioeu matt!
Madre
L'è tutt ol sò papà! Da mì l'ha ciapà nagott!
Paolino
E già! L'è bell parlaa quand s'è mia provà...
Myriam
Oei! disi! Te set propi matt in dol coo! Possibil che ona sottana la t'abbia traj inscì scemo?
Paolino
Te riesset no a capì quel che gò chì in dol mè coeur! A me par che te l'abbiat mai provà se 'l voeur dì vess innamorà...
Madre
A mì me par che l'amor al t'abbia annacquà ol cervell!
Paolino
Sì: Va là! Annacquà ol cervell...! Te dovarissat capì inveci cossa proeuvi dentar de mì, dopo che la Franca, per l'ennesima volta, la m'ha refudàà la soa mann...La ma voeur no, la ma voeur no... Me par de rivedè la scena.... Intant che s'eromm adrè a specià la corriera... la enne, quela dol vial Belfort: che coincidenza...s'eromm lì, visìn visonent, che quasi quasi se usmavom ol fiaa... mì ghe disi...in buon italiano...senti Franca mì sont cotto de tì...E lee che la m'ha faa: va' là, Paolino, cata mia scià di storij...lassa buj che l'è mej: restom amis e basta...Gò mia voeuja de impegnam con tì... (sconsolato ) Te savessat, cara mamma, ol mè coeur come l'è andà sù subit de gir! Tanto che, varda, l'è conscià e sbattù pegg d'ona resomada...
Madre
Va ben, capissi! Ma chisti chì in robb che prima o dopo passan...


Paolino
Franca! Franca! Parchè te m'è lassà? Al so che adess te ghe stet adrè al Ricardo, perchè lù l'è bell, l'è fort, l'è pien de danè fina al cupìn...
Myriam
Via! Ghè mia domà ona Fanca a sto mond chì! A disen i statistich che on omm al gà a sua disposizion nientemen che sett donn...
Paolino
Ball! Hinn tutt bal i statistich! Mì sarò l'eccezion che conferma la regola...
Madre
Te devet savè che i donn a hinn come i taxi: te ne perdat vùn, riva scià subit quall'alter...
Paolino
Sa l'è par quell, mì sont semper rivà a cà a pè!
Madre
( tenta di rubargli la rivoltella)
Damm a mì quell'arma, prima de fass mal in sul seri!
Myriam
Obediss a la mama! Dai! Se de no, te me obligat a mett in sù la toa tomba perfin on epitaffio, che al sonerà pressapocch inscì....stà a sentì...qui giace ol Paolìn Moiola, che invan seguendo ona sottana, s'è sparato un colpo di pistola, dimostrando a voce e per iscritto d'essersi del tutto rinciulitto!
Paolino
Via! Se da no ve mazzi anca vialter!!
Myriam e Madre
Ah!
( Myriam riesce a strappargli la rivoltella)
Paolino
Ridamm la pistola!
Myriam
No!
Paolino
Ridamm la pistola, t'ho ditt!
Myriam
A mì me par che te set già tì on pistola!
( dopo una breve collutazione Paolino riesce ad impossessarsi nuovamente dell'arma)
Paolino
L'è inutil! Se me lassè no mazamm, farò on sproposit ammò pusseè grand!
Madre e Myriam
Sares a dì?!
Paolino
( puntando il revolver verso il pubblico) A mazzi tucc! A mazzi! (Nella collutazione che segue parte un colpo di rivoltella) ( la scena si oscura)

scena seconda
( Paolino e Belzebù )

Paolino
( Il dialogo si svolge solo tra Belzebù e Paolino. Madre e sorella rimangono immobili per tutto il tempo, come svenute)
Oh! Signor Madona! Te set già chì a toeumm!?
( si rianima un po' )
Ma mì sont nammò da morì!
Belzebù
Al soo che te set nammò mort. Del rest, chì semm in cà toa, minga, come se ciama, nella palude stigia...
Paolino
( ebete ) L'è propi vera ...( si guarda attorno ) A l'è la mè cà! Lì ghè la mia mama, povera mama! E lì la mia sorella...
Belzebù
Dunque: venendo a noi... Tì te se domandaret come mai ol Belzebù in persona al sa sia scomodà, come se ciama, par vegnì da tì...
Paolino
( ancora un po' ebete ) Mì me domandarò... come mai...
Belzebù
La mea presenza chì, in cà toa, la voeur vess, come se ciama, ona visita de affari, de interess... de interess in affari...
Paolino
( inizia a riaversi ) Oh bella! Ma che interess al po avegh on demoni do la toa fatta per la mea persona? Riessi mia a capacitamm... E poeu... mì sont on fioeu religios... hoo persina faj ol cereghett da piccol!
Belzebù
Comprendi ol tò, come se ciama, sbigottimento inizial, ...In effetti l'è mia da tutti i dì trovass in cà on demoni come mì...
Paolino
Infatti...Infatti...Gò bisogn d'on attim de ripensament... Specia che voo a toeu on quaicoss de fort par pudemm tiraa sù... ( si alza ) Te podi offrì anca a tì on cichett? Gò chì on amaro...! L'è ona roba de frà, ma scometti che la te piasaria anca a tì!
Belzebù
Portal scià che 'l proeuvi... anca se in servizzi podaria , come se ciama, no bevv...
Paolino
Al t'ha po mia faa mal...Oei! Mì so no come faghen a fal...Ma l'è talment bonn! Quand al t'ha va giò al par che in di busecch, insema al liquor, te gabiat mandaa giò ol demoni....Pardon...Del rest, se sa, i fraa e i donn ne sann vùna pussee dol demoni...
Belzebù
( tra il divertito e il risentito ) Ades se ved che t'è passà completament, come se ciama, ol stremizzi...
Paolino
Se faa par dì...senza offesa... se capiss! ( beve avidamente e con rumore ) Ades che hoo tirà sù ol fiaa, spiegass mej, voeuri propi savè ben ol motiv do la toa improvvisa comparsa in cà mea...
Belzebù
Il mio interessamento, come se ciama, alla toa persona, al dipend dal fatto singolare che t'è capità e che 'l t'ha portà sull'orlo dol suicidi...
Paolino
( sospirando ) Eh!
Belzebù
I traversij che t'è passà, i tò come se ciama, conflitti intestini, i tò travaglij, come se ciama, amorosi...
Paolino
( al pubblico ) Come al parla ben: sentì, gent! al par on avocatt, 'sto demoni chì! On politigh, talment al te incanta...! Quasi, quasi... ( A Belzebù ) Ma a mì m'è passà la voeuja de suicidamm...
Belzebù
( secco ) Beh! Se t'è passà la voeuja, addio! Sarom sù bottega e ol come se ciama, l'affari al se faa no! Tanto ghè sempar on quaivùn sù 'sta terra che al vurarà suicidass, come se ciama, par amor: Andrò da lù...L'è mia nemmen difficil troval: ol mond l'è pien de Jacopo Ortis e de Werter, genìa de matt!
Paolino
No,no! On moment! Disevi inscì par dì! Vidèmm prima de che affari se tratta. Vist che te set scomodà par mì, cùntom sù la rava e la fava. Voeuri mia piantà garbùj par nagott... Mettom al corrent do la situazion, inscì podarò anca mì faa i mè pass, vidè ol pro e ol contra... e de conseguenza tirà la somma final...
Belzebù
Bravo! Inscì te me piaset! Te parlat, come se ciama, come on vero varesott: quand se tratta de faa sù i cùnt in tuta oregia e ghe scapa nanca on cavorìn!
Paolino
I afari hinn afari, se sa...
Belzebù
E vegnèm ai nostar de afari, alora...Dunca: ol mè arriv chì in casa toa al dipend appunto da on afari, come se ciama, da ona specie de patto, fra mì e tì...
Paolino
Calma, scior demoni! I patti col diavol me sann tant de gremà... A mì me par, caro ol mè Belzebù, che cont tutt i tò "come se ciama" te set adrè a fammm pirlaa par ben...Inanzitutto, poeu, la faccenda dol patto l'è ona roba vegia come ol Carlo Codega... Sa la gà de dì tutta sta gent? L'è vegnuda chì credendo de vidè ona bella novità e inveci la sa troeuva in dol piatt ona minestra super riscaldada...In segonda, se me sbagli no, la faccenda dol patto, come te sevet adrè a dì tì, l'è ona tragedia e mia ona commedia... A ghè ona bella diferensa crepaa in d'on fiumm de lacrimm - che te sgorghen giò a fiott quand te asistat a ona tragedia - puttost che crepà in on lagh de pisa - che te riessat no a tegnila d'ol ridd che te fann faa i comedi brillant -. Sicchè mancaria anca de faa piang tuta sta gent e alora sì che podarissom scapaa giò all'inferno... e sensa bisogn de faa di patti da nissùn genar...
Belzebù
Ma se te me lassat mia finì de parlaa, sa spiegom pù, benedetto fioeu...Adess capissi, sia detto tra parentesi, come mai tì te siat on tipo, come se ciama, sfortunà cont i donn, le quali te voeuren mia, come se te fudessat on lebbros...Sfidi mì...cont tutta la toa lapa a te ghe robet ol mestè...
Paolino
Mo' tasi... Parla tì!
Belzebù
Ben! Ol patto de cui parlavi, prima che tì te me intorrompessat cont ol tò sproloquio insensà, l'è mia de queij che te credat tì...Ol patto al consist in quest: mì vegni dentar, come se ciama, in dol tò corp... e tì te podaret faa toa, e par sempar, la Franca, per la quale, pochi istant faa, te serat adrè a suicidass...
Paolino
A conti fatti, me par, che gabbia nagott da perd... Anzi... Te voeurat nanca la mea anima...
Belzebù
No! Quela no! L'anima d'on pistola che se mazza par, come se ciama, amor, la ma interessa mia...
Paolino
Ma ... te staressat dentar tanto in dol mè corp?
Belzebù
Starò dentar ol temp necessari, fin quand, come se ciama, avrò risolto la mia inchiesta... Per quanto riguarda ol rest, come se ciama, te devat mia preoccupassan...
Paolino
Come se ciama, come se ciama, come se ciama... E no! Diavol bestia! Me preoccupi sì, e come! Caro ol mè diavoletto bello!
Belzebù
Belzebù... par vess in del giust! E poca confidensa!
Paolino
Belzebù sensa confidensa, va ben inscì? Te credat propi de fammm zurlaa in dol manigh come te voeurat tì? Solo parchè te set on angiol - sia pùr de segonda categoria, e infernale par giunta - e mì inveci domà on pover innamorà sensa speransa e sconsolà...
Belzebù
A te set da catà, come se ciama, cont la moeuja rossa, tel disi mì...
Paolino
Se ghè de faa on patto, i robb a van s'ciarì bell'e che subit: mia trovass, par cas, e a conti fatti cont ona man davanti e ona in sul de drè!
Belzebù
( risentito) Basta! A voo! Hoo mai vist in gir de tipi come tì! Cosa te credat cos'è? Che sont vegnù chì par imbroiatt? Te sa fidat no da mì?
Paolino
Insomma...
Belzebù
D'accordi... Gò no ona fama, come se ciama, da onest... però me par che te esagerat on cicinin ...Via...!
Paolino
Te me devat comprend... A m'è mai capità ona roba compagna...
Belzebù
Beh! Va'! Femm finta de nagott...
Paolino
Naturalment, la Franca la sarà tutta mia...e...par sempar!
Belzebù
Naturalment!
Paolino
Alora ghè stò!
Belzebù
enissim. Destendat giò chì in sùl divan che foo, come se ciama, ol trapasi in dol tò corp...
Paolino
Oei! Calma, calma...Come distendat giò? In che modo al vegn sto (imitando )...come se ciama...trapassi?
Belzebù
Attravers, come se ciama, ona penetrazion...
Paolino
Penetrazion?
Belzebù
Dol tutt spiritual, se l'è quest che te preoccupa... e indolor...
Paolino
Me preoccupa sì...
Belzebù
Ma, ripeti, se tratta de roba tutta spiritual...de pùra materia, come 'l dis ol scior Aristotele, imità poeu anca dol Alighieri Dante, che al riguardo de fantasia ghe ne mancava propi no...
Paolino
Ma semm sicuri? Mia dopo de trovaa ona quaj sorpresa?
Belzebù
Dai,dai! Parola de Belzebù...( spazientito ) L'è ona roba tutta de come se ciama, spirit, inocua... indolor... dai!
Paolino
Ma...ma...Sperem in ben...Varda l'amor se'l te fa faa!
Belzebù
Tass, ades! Cala che l'esperiment al falissa....Concentrass, sù! A te set bon de concentràs?
Paolino
Sì...( incerto )...Sì...
( Si spengono le luci, s'ode un botto ed un urlo. Si riaccendono le luci e Belzebù è scomparso )

A mì mepar d'avè fà on brut sogn...seri lì cont la rivoltella in di mann e ...ma l'è stà on sogn o l'era la realtà? ( pausa ) On sogn, certament...Stà attent che ol demoni in persona al se scomoda par mì, par tiramm foeura dai pastizzi che me sont cascià...e dai pastizzi amorosi par giunta...( pausa) Epùr, l'era on sogn ma al pudeva vess anca la realtà...No,no! L'era on sogn.. Ma...gò ona specie de sensazion...ona roba, come spiegamm?, dentar chì...in dol mè corp...( pausa ) Oh Signor! Sta attent che l'era mia on sogn...ma ol Belzebù in persona, tal e qual ...( pausa ) Oh,già! Cosa sont drè a dì mai? Sperem che m'abbia mia sentì nessùn, se da no ma ciapan par matt...e me portan drizz drizz a Bigioeugiar... ( rivolto al pubblico ) E vialtar fee finta de mia avè sentì ona stupidada compagna, scancelè tuscoss, scancelè in pressa...( fa il gesto del cancellare ) Pover Paolin, cone te set conscià! ...Che raza de scherzi al te fa faa l'amor! Al fa immatì anca on sant!...( pausa) Epùr...epùr...me senti ammò i busecch risciass, come se in dol ventar gavessi on gran foeugh, on foeugh infernal...O mama! ( spaventato ) ades regordi...Regordi ben!Sì!...A l'è mia stà on sogn, ciombia! L'è roba de tra via ol coo! Che stupidada l'è ch'hoo faj? ( pausa ) Ma via! Comincia no...! Lè stà tutt on sogn, dai! Anca chi sciori chì...( al pubblico) a podan confermaa...che l'è stà on... a confermann nagott! ...anzi...paren stremì anca loor...come mì... pegg de mì... donca!?... Calma, calma e gess! Vedemm on poo de ricapitolaa tutta quanta la borlanda...! Mì seri chì...No chì...! Ecco, inscì! ben!...Cont ona rivoltella in mann......( si guarda in giro e scopre che il revolver è ancora posato sul tavolo, come dimenticato) Eccola,eccola!...Ol corp dol reato! ... e la mea mama la me diseva... e la mea sorela la ma inseguiva.... D'improvvisa on colp... de rivoltella, sì de rivoltella...e me se para
davanti on diavol... intutta la soa maestà, in tutta la soa possanza, in tutta la soa pompa magna... con ol trident in mann... ona spusa de rost brusà... e...e...al me parlava d'on patto... a mì... Paolin Moiola...
d'ona proposta... d'on affari... d'ona penetrazion...e in cambio... in cambio...Oh! Signor?! L'è vera? Cossa hoo mai faa? Paolin dimm ca l'è mia vera...! ( pausa )... L'è vera!...Purtroppi l'è vera!
( La madre e Myriam si svegliano )
Madre
Ehi! Se te fet cos'è col revolver in di mann?
Paolino
(stordito) Nient! Nient!
Myriam
E alora metal via che te podet fas maa...
Madre
Pensa che ho sognà che te serat adrè a mazass
Paolino
Podi no mazam, ades...Ho ciapà on apuntament...
Myriam
E con chi?
Paolino
Con la Franca, no?
Myriam e Madre
Con la Franca?
Paolino
Sì, parchè?
Myriam
Te set cert?
Paolino
Come no? Ma l'ha ditt ol come se ciama...
Madre e Myriam
Ol come se ciama...?
Paolino
Nient! So mì e basta!
Myriam
Te set matt
Madre
L'amor al gà travià ol cervell

( campanello )

Scena quarta
( Luigi e detti )
Paolino
( mentre madre e sorella si rimettono un po' a posto, guardandosi allo specchio. Suona di nuovo il campanello)
Ma andè no a dervì?
Madre e sorella
Be!? Ol temp de mettas on poo in ordin!
Paolino
Ma vardei lì! E poeu a dann dol matt a mì! Par andà a dervì a deven faa la toilette!
( Paolino va ad aprire)
A vegni...a vegni...Che pressa ghè? Chi l'è?
Luigi
(d.d.) Sont ol Luis!
Paolino
(al pubblico) Che ol Belzebù a l'abbia sbaglià persona? Mì speci la Franca mia ol Luis! (pausa) Vegn, vegn avanti, Luis, cosa te me contet?
Luigi
Gavarissa in di mann on affari de quej...
Paolino
Al sarissa ol segond incoeu...
Luigi
Se te ditt?
Paolino
Nagott...! Parlavi in de per mì...Ma... se tratta de affari dove ghè de ciapaa o ghè de daa via? Parchè mì de dà via...basta... sont già mò stuff!
Luigi
De ciapaa e de daa via in del medesim temp...
Paolino
E no! Te me la contet mia giusta! o al ciapi o al doo via! O sont chì o sont là: podi no vess chì e là in de 'l medesimo temp! Gò mia ol dono de l'ubiquità! Me sa che l'è mia ona proposta de quej giust la toa...
Madre
Stal a sentì prima de refudaa...! Conta, conta!
Luigi
Se tratta de costituì ona società, sensa fini di lucro, almen sù la carta, e in on primo moment...dopo, in seguit, on quaj franch al podaria scapà giò in la sacogia...
Myriam
Domà on quaj franch? L'è on poo pocch!
Luigi
Ma hoo ditt che se tratta de ona società sensa fini di lucro... al voeur dì che ol guadagn l'è pressochè moral...Infatti, pussee che altar, la società l'è destinada alla divulgazion e volagarizzazion do la
psicanalisi in genar e do la psichiatria in specie...
Myriam
E parchè t'è pensà propi a nùm? Te ciapà la nostra famiglia par on manicomi?
Madre
Al par però che l'è rivà in d'on moment giust
Luigi
Lassè a buj chi robb chì! Cossa tirè foeura mai? L'è ona società mia on manicomi!
Myriam
Già! parchè t'è mai provà cossa al voeur dì vess iscritt a ona società!
Luigi
Parchè tì te ghet esperienza d'ona quaj società, divolt?
Myriam
E come! Te se regordat pù che s'eri iscritta, on quaj ann faa, alla società filodrammatica "Buvisiense"?
Luigi
E cont quest?
Myriam
Beh! Se l'era mia on manicomi quella filodrammatica lì, mì so no se l'è on manicomi!
Luigi
Ades va mia a toeu la filodrammatica, che te vet foeura de argoment...Stemm in tema...Anca parchè la società che ve proponi mì l'è da tutt'altar genar... Alora Paolino se ten disat?
Paolino
Ma mì...insomma...propi al savaria no...devi pensagh sora...
Luigi
Tì te set sempar incert in di robb...A l'è on vero afari quest chì! Sù ...dimm de sì...!
Paolino
Ma... in sto moment...l'è mej rimandà la question...Proeuva fra on para da mes... quand me sarà andà in port on altar de afari... alora... forsi...ades podi propi no!
Luigi
Sent: te set sa foo? Voo a ciamaa ol professor, che al saria poeu ol president do la società... Te foo parlaa direttament cont lù,almenn te se convinciaret de l'importanza e dol scop benefich e divulgativo d'ona simil società... Va' ben inscì?
Paolino
Va ben!
Myriam
In sto moment chì ol Paolino l'è on po foeura de testa
Luigi
Me sont corgiù. Ben! Arrivederci! Torni col professor...
(Madre e Myriam accompagnano all'uscita Luigi)
Paolino
Arrivederci... Fra on para da mes...

Scena quinta

(Paolino, Franca)
Paolino
(rimasto solo in scena)
Speremm che 'l sia vera quel che 'l m'ha ditt ol Belzebù, parchè i effett dol patto ammò se veden mia... (campanello)
( Paolino rimane un po' incerto, poi va ad aprire)
Franca
( entra )
Meno mal che te set ammò viv, Paolino! In carne ed ossa! Te'l chì ol mè bel Paolin! ( lo abbraccia e bacia )
Paolino
Sont ammò viv, in carne ed ossa...l'è vera...Ma se te speciavat on poo ammò te me trovavat in brugna, mia chì!
Franca
Dì no inscì! Dì no stupidà! E lasa che te guardi, Paolino! Che te rimiri! Come te set bell! Ma... che stremizzi che te me faj ciapà!
Paolino
Stremizzi!? e de cossa?! Dato che mì a te interessi no!
Franca
Via, Paolino! Quel che ghè stà ghè stà! Bisogna cambiaa la sonada...

Paolino
Speremm che la cambia in mej...
Franca
E come la podaria cambiaa se no? Ol don Antoni al m'ha accennà...
Paolino
Oh! Che ruffian!
Franca
No! La faa par ol tò ben! Al m'ha ditt che te vorevat suicidass par causa mea...oh! Paolino...No!...Podevi no avegh in sol stomigh ona siffatta responsabilità... e alora sont corsa chì, come te vedet...par impedit ona matucada compagna...Pardonom, Paolino... A l'è sta tutt on sbalij ... Me sont lasada tra via dai mercedes, dai danè, dai vill... Ma mò sont chì... Te me voeurat ammò, Paolino? Te voeurat la toa Franca?
Paolino
E come no. Ho fa tutt on popò!
Franca
Se te faj cos'è?
Paolino
On popò!
Franca
Sares a dì?
Paolino
On macell, on rebelott, ona confusion...
Franca
On bordel...
Paolino
Sssst!... Se disan no sti paroll in teatar...
Franca
Fa mia ol sant ades! Che 'l sann tucc che te daresset via l'anima al diavol par otegnì ol to scopo!
Paolino
Chi te l'ha dì?
Franca
Cos'è?
Paolino
Che hoo vendù l'anima al diavol
Franca
Ma nissùn, no? Hinn parol ca sa dis inscì, già bel e che faa
Paolino
Meno maa! (al pubblico) Anca parchè mì hoo vendù domà ol corp, mia l'anima. Sont mia scemo!
Franca
Se te ghet da borbotà in de per tì?
Paolino
Nient! Ogni tant, me pias parlà on poo de per mì!
Franca
Ma ades ghe sont chi mì! Te podat parlà con mì! Te me voeurat già pù?
Paolino
Certo che te voeuri! Vegn chì! ( si abbracciano di nuovo, effusioni a soggetto ) ( campanello ) (proseguono come se niente fosse nelle loro effusioni) ( campanello) Al dev vess ol Luis col sò professor di matt. Andemm de là che chichinscì ma vedan e ma sentan tucc, e mì, come se
ciama, sont on fioeu vergognos (via)

scena sesta
( Madre, Myriam, Luigi e prof.Kustly )
Luigi
Vist che sij come sant Tomas, v'hoo portà direttament dall'Austria ol professor, dotor, Joseph Franz Kustly, laureà in psichiatria e psicanalisi, membr effettiv do la Real Casa Accademica Viennès di Scienze Naturaj, Umanistigh, nonchè president de la Società de...
Myriam
Basta! Hoo capì. Fermes chì se da no tiromm nocc!
Prof. Kustly
Molto onoraten de faaaare fostraaa conoscienziaaa! (batte i tacchi sull'attenti )
Madre
Onorata anch'io me! (inchino )
Myriam
Onorata! Ja!
Professore
Mio sekretario cvà Luighìn Cossaaa...
Luigi
Cosa, professor, Cosa, cont ona esse domà
Professore
Cossa, cont ona esse domà... dire che fostra inlustrissima siknorìa folere conoskere pene, ja, fondazione tella nostra socìeta Psico-Psica, und volere spiegazionissime supitissimamente,etceteràààà, etceterààà...
Myriam
Insomma...Lù che l'è on luminari de la scienza, che al me illumina on cicin anca a mì che sont domà perita aziendal...
Professore
Par exempi?
Madre
Ghem no ciar...non abbiamo ciara la storia de la pisichiatria...Che'l favorissa ona spiegazion, rasionale, analitica e sufficiente...
Professore
Essere proprio par la ciarezza, ja, che der sekretario und io dare spiegazione. Nostra socìeta, ja, essere molto importante, ja, dato il casso...
Luigi
Il caso, il caso, cont ona esse domà, professor...
Professore
Il casso, cont ona esse domà, dicefo, d'una fita quotidiana tanto farnetica, ja, quanto stressante, ja!
Madre e Myriam
Ja! Ja!
Professore
In cvesto frankente, ja, noi raccolghere fonti ti tenaro par la difulgazione...
Madre
E quanto la vegn a costà la raccolta dei fondi?
Professore
On milione a cranio, ja...
Myriam
Ciombia! E hinn afari segond lù?
Professore
Ma se tratta... (colpo di tosse) ja, essere soci fontatori, ja!
Madre
Pussee fondà d'inscì...!
Professore
Ma per il pene dell'umanità......
Myriam
Sul bene, ol bene (rimarcato), de l'umanità sont d'acordi...Ma ol fatto l'è che par ol moment ghem mia de milioni da buttà via...Amici come prima, scior professor...
Luigi
Ma ghè no ol Paolino? Magari lù...
Madre
Tira mia dentar ol Paolino in di pastizz, me raccomandi! T'hoo ditt che l'affari al se conclud no ...Quindi ciao tencia!
Professore
( visibilmente risentito ) Se fostra siknorìa non folere concludere, ja, io antare: und afere àltri impegni pussee importanti. Audfidersen! (via)

scena settima
( detti, Paolino, Franca e Maria )

Luigi
(rincorrendo il professor e poi rientrando) Ma professor ca'l speta, ca'l vaga mia via inscì. (alle donne) Al s'è rabbià. Mah! Me dispias propi che avì mia conclus l'afari...par mì avì fa mal...
Madre
Semm in boleta, caro ol mè Luis...
Paolino
(rientrando) Ho sentì parlà de afari... Ghe n'avarìa vun anca mì de afari..
Myriam - Madre
Quale al saress?
Paolino
Sti chì e sentì (esce un secondo e rientra con Franca) Te chì ol mè affari! ( meraviglia di tutti)
Luigi
Oei! A quand i binis?
Madre
Me par che sa cora on poo tropp!
Paolino
Quest l'è giust... ma intant podom festeggiaa ol fidanzament...
Franca
Paolino!
Paolino
Franca!
Luigi
( al pubblico ) Che bela cobia de colombi! E come cipissen ben! ( campanello ) ( Myriam va ad aprire, mentre i due continuano a soggetto nelle loro effusioni )
Maria
( entrando di furia ) Ah! T'hoo trovada finalment! E in che post te set daja giò! Ma come? Ades te ascoltet pù nanca i consili do la toa mama? Quanti volt t'hoo dit de mia frequentà certa gent? Certi pioeucc diseredà?
Madre
Via! La nostra la sarà ona cà da povaritt! Ma dignitosa!
Myriam
Brava!
Paolino
Sont mia on pioeucc come la voeur faa cred!
Myriam
Bravo!
Franca
Ma...
Maria
Ma cossa? Te voraressat mia dì par cas che te set innamorada d'on piogiatt simil? ( Franca sta per rispondere,viene interrotta ) Parla no! Cerca mia di scus! Tant e tant so giò quel che te voeurat dìmm... Incoeu tì te ghè daj on grand dispiasè, on grandissim dolor a la toa mama. Ol Signor le sa la fana che gò chì 'dol coeur! L'è ona fana che la me porta drizz a la tomba! l'oltim ciod de la mè bara l'è stà piantà ben ben! Mò podi morì, me resta nagott in sù la terra! Nanca pù ona tosa! ( si accascia desolata su di una sedia )
Franca
Ma l'amor...
Maria
L'amor? Quale amor? Cosa gò mai da sentì?
Franca
Sì, l'amor! L'è mia come te pensat tì... Mì voeuri no dat on diaspiasè...Mì ol Paolin a l'ami verament...
Paolino
E mì al ricambi sincerament...
Myriam
Bravo!
Franca
Donca partecipa anca tì, mama, a la nostra gioia, a sta granda felicità...
Maria
Ma che gioia! Che felicità d'Egitt!
Luigi
Sciora, ca la me scusa se m'intrometti...Ma voraria associam ai parol de la soa tosa... Mì ghe vedi nagott de mal nè de disonest 'dol amor del Paolino por la soa tosa…
Maria
Lù che'l tasa par piasee! Che'l me tira mia foeura di strasc! Caro ol mè scior Cossa! Parchè lù l'è bon de faa ol miscè cont le minorenni: altro che!
Luigi
Ades la me ofend!
Franca
Dai mama!
Maria
Vardè che razza de pastizz...! Te stada trà dentar in on lacc e te se corget no do l'imboeuj?
Paolino
O ol mondo al gira sott sora o mì sont matt! Ades a l'amor a ghe ciamen imbroeuj!
Maria
Sì! Imbroeuj! E me fermarò mia chì! A impedirò ol matrimoni con tutt i mè forz...Vialtar quatar ve farò finì ai Miogn e che la matoca chì l'andarà in d'on psichiatrich...
Paolino
Se la rivava prima gh'era chì ol president...
Franca
Dai mama! Me par che te esageret!
Maria
Gà n'hoo ammò de sentì?
Paolino
Lee la pò dì quel che la voeurm ma mì hoo mai imbrojà nissùn...
Maria
Ah no?! Alora al voeur dì che ol sò amor par la mea tosa l'è dol tutt sincer? e sensa interess de nissùn genar?
Paolino
Certament!
Maria
Ma che'l me faga mia ridd on bott! Almen davanti a mì, a ona dona esperta de sti robb chì, che disa mia di bosij par carità!
Paolino
Sont no bosard!
Luigi
Par vess esperta, l'è esperta de sicur la sciora Maria! Dopo che l'è rimasta vedova per ben cinqu volt de fira! Oei: disi cinqu volt, eh!
Maria
Quattro, prego!
Luigi
Ah! già! Desmentegavi!...Ol quint marì l'è mia mort...a l'è scappà do la disperazion!
Maria
Perdù drè ai sotàn d'on entreneuse...
Paolino
Tè! Questa l'è bela! la savevi no! Che mi consenta, neh!? sciora, che mi consenta! Voueri informam anca mì sol sò cùnt, dopo che lee la s'è permessa de informass sù de mi? Come l'è andada, Luis, cùnta, cùnta che sont corios!
Luigi
Ol sò primm marì l'è stà ol Pierin di Goeubb: dopo trij ann che l'era sposà a l'hann trovà bell'e che mort in d'ona roeugia bertonica...
Paolino
E vùn!
Luigi
Ol segond marì al se ciamava, se me sbagli no, Richeto...Ol cognom al savaria no dì...Fatto stà che questa l'è resistù domà cinqu ann...Mort d'infarto fulmineo!
Paolino
E dù!
Luigi
Ol terz l'era ol Carletto Pizzett...Quest chì a l'ha battù ol record de resistenza: l'ha sopportada par sett ann de fira, dopo di che... requiem l'è passà ai quondam...
Paolino
E trij!
Luigi
Ol quart a te l'è cognussù anca tì: al saria poeu ol papà do la Franca...

Paolino
E quater!
Luigi
Ol quint, certo Battista Poggi, vist la mala parada, l'ha pensà ben de poggias da ona quaialtra part...
Maria
Cont ona sgualdrina de cabaret...
Luigi
Comunque l'è scappà!
Paolino
E questa la saria la sò esperienza? Congratulazioni sciora! Se ghè fudess on olimpiadi de matrimoni la riverebb prima certament!
Maria
Hoo comulà tanta esperienza da pudè capì quand on omm l'ama verament, da quand inveci al nascond sotta la parola amor tutt altar interess...
Paolino
Alora l'ha capì nagott!
Myriam
Bravo
Franca
Il Paolino al gà nissùn interess nascondù...
Myriam
Brava!
Maria
Ma alora te ghet dù bej fett de salam sui oeucc, cara tì! Te set no corgiùda che quel scior lì al mira domà ai tò danè e minga ai tò oggion verd, bella mia?! Hinn i tò proprietà edilizi che ghe fann gora, mia la tò belezza...Matocca!
Paolino
No,no! L'è foeura de strada! A parte ol fatto che mì al savevi no dei sò proprietà edilizi e di sò ricchezz in genar mì gà ribadissi che ol mè amor par la Franca l'è sincer e onest... Anzi, par dimostraghel
verament, la sa se foo? A rinunci pubblicament a tutti i sò proprietà... Va ben inscì? Mantegnerò la soa tosa domà cont i mè brasc... e soratutt col mè amor... mia cont i sò danè...Ecco!
Franca
E mì te accetti inscì...come te set...poar e strasc...
Myriam
Brava!
Maria
Ma che la lì la sa dì domà "Bravo"?! Comunque.... Mì me lassi mia fa sù dai bej parol...la parlantina la ghè manca no... ma ripeti solennement che sto matrimoni al s'ha farà mia... al sa dev mia faa...L'è nammò de nass chi me ciapa par ol nas a mì!
Paolino
E mì ghe disi che'l se farà sì!
Maria
Hoo ditt de no! Chi vivrà vedrà! ( esce )
Franca
Ghe n'è sempar ona quajvùna... Quand te credat de trovaa on toch de felicità, subit la te scappa via mè on pezz de savon in di mann bagnà...
Madre
Ma mi credi che on quaj rimedio ...on quaj argoment in foavor al se podaria troval...
Paolino e Franca
( all'unisono ) E quale saria?
Madre
Ve ne parlarò dopo...Par ades preoccupeves no! Vialter dù! Se da no i mamm se gh'hinn de faa? Andè avanti a cipì come prima, quand l'arpia l'aveva nammò faa la soa comparsa in scena!


TELA

ATTO II

scena prima
(Franca e Lella)
Franca
A l'è già mò on para da mes che me sont sposada, ma, in confidensa, riessi no a capì come me sont trovada dentar in dol lascc...
Lella
Te riessat no a capì come te faj a sposat? Ma dinn pù de scemà! Se andì inscì d'accordi, tì e ol Paolin: come fradel e sorela...
Franca
Ecco: l'è propi chì ol punto...
Lella
Dimel no.... Dimel, dimel!
Franca
Insomma... mè marì...
Lella
Dimel no.... Dimmel, dimmel!
Franca
Paolino l'è...
Lella
Dimel no... Dimmel,dimmel!
Franca
Ferma on bott! Tel disi o tel disi mia?
Lella
Dimel, dimel!
Franca
Oh! Ol Paolino al sa comporta con mì propi mè se fussi soa sorela!
Lella
Te voressat mia dì che ol matrimoni...( gesto significativo) ratto e non consumato!?
Franca
Voeuri dì, sì...a voeuri dì propri che la roba lì....
Lella
Ma va!? Ol Paolin al me pareva on giovin inscì a post... e innamorà do la soa Franca!
Franca
Innamorà, sì...anca smanios...ma...ma se fermom lì...Gò perfina suggerì de andà a faa ona visita specialistica, se sa mai, al po vess on fattore psicologico... l'è tant emotiv sto povar fioeu...!
Lella
E lù sa l'ha ditt?
Franca
Ghe l'avessi mai propost! Al m'ha faa ona scenada! Ma ona scenada che quasi quasi me sont pentida d'avel toeuj par marì...
Lella
Ma va!? Dopo tut i tacalid che t'è faj con la toa mama par pudel spusà! Ades te ghe det rason?
Franca
Me speciavi no ona roba compagna! Devi ammèt che forsi l'era mia del tutt campà par aria ol discors de la mea mama..."sposal no " la me diseva...E mi credevi che la parlava a vanvera...sensa cognizion de causa...Inveci...tè chì! ...A devi dagh reson...Mia tutta neh!?...Mia tutta!...Ma on poo de rason a ga l'aveva anca lee...Domà che, te vedat, lee la sera taccà al fatto di danè...La pensava che ol Paolino al vureva i mè danè e basta...inveci...
Lella
Inveci?
Franca
Inveci da che'l lato lì l'è on fioeu a post...al gà propi nissùn difett....al me lassa faa quel che voeuri, spend e spand...al me compra tutt quel ca voeuri...anca la luna, s'al vuressi....Al m'ha fa arrivà anca ona domestica dal Perù, ona brava tosa, par avegh on piccol aiut in cà...
Lella
Oh! Alora tegnal d'acùnt...L'è rari on omm che ghe vùsa tucc i vizi a la soa miee...
Franca
Ma mì hoo mai ditt che'l voeuri mia tegn...Anzi...Sont ona tosa religiosa... mia ona voltagabana ...Me lamenti domà di sò stranezz, dol sò comportament mia del tutt normal...
Lella
E tì portal in d'on quaj specialista, ma sensa fass corgg...
Franca
E come podi faa?
Lella
Dai Franca! On poo de fantasia! Num donn ne semm vùna pussee d'ol diavol...Donca! Adess che me vegn in ment....Mì cognossi giusta on dotor molto in gamba... L'è on napoletan, ma onest... Tel farò cognoss anca a tì: te se ritrovaret ben...Intant...hoo sentì che in sti casi chì, cioè quand ol marì al faa l'indifferent davanti a la miee, s'usa fagh mangià scigol e pucia: disan che rinforzan ol coito...
Franca
Eh! Hoo provà anca quest! Ma ghè stà nient de faa! Anzi...ona sera che forsi avevi on attim esagerà, ghè n'hoo faj mangià pussee dol necessari, l'hoo sentì giras e rigirass in dol lecc... e al faseva anca di brutt sogn... parchè in dol dormiveglia al sùtava ciamà: Belzebù, Belzebù... e altar paroll che hoo mia reussì a capì ben...Ma!? Al parlava anca di afari...d'on patto...L'avrà faj ona quaj scommessa sensa che mì ne sappia nient...

scena seconda
(dette, Paolino, Consuelo )

Lella
A senti di pass...Ghè forsi chì tò marì...Te levi ol disturb...
Franca
Te podat restaa se te voeurat...
Lella
No...E poeu gò ammò da faa la bogada...
Paolino
Te la chì la sciora Lella! Come la sta?
Lella
Mia mal! e...( lo guarda stranamente ) e lù?
Paolino
Oh! Benone! Me senti on galett!
Lella
( ridendo verso il pubblico ) On capon, al voeur dì!
Paolino
Sa la gà de rid inscì de san?
Lella
Oh nagott...Sont allegra par mè cùnt...
Paolino
( al pubblico ) A la mè pareva adrè a rid sora i mè spall...Che la Franca la gabbia rivelà ol nastar segreto? Sperem de no...
Lella
Mi scappi...Arrivederci a tutti e dù...
Paolino
Arrivederla., sciora Lella
Franca
Arrivederci...
(Lella via )
Paolino
Te vist che faccia la faj in dol vidèmm?
Franca
Che facia te voeurat che l'abbia faa...l'era la soa!
Paolino
No,no! L'era mia la facia dol solit: la me pareva ona facia de vùna che la se ciapa gioco di personn...
Franca
Te se sbagliat...
Paolino
Voeuri propi sbagliam... Parchè tì cont i tò manij de confidà tuscoss a la toa amisa Lella, a te rivelat anca i nostar intimità... e quest al me secca... A semm intes?
Franca
E se gò de confidà de inscì tanto intimo? Sentemm...
Paolino
Domandavi...Sa po pù domandaa ades?
Franca
Se poo domandaa, ma se i domand hinn giudizios...
Paolino
Parchè la mea, la te pareva ona domanda sensa giudizii?
Franca
La me pareva ona domanda d'on omm sospettos...
Paolino
Ghè altar che avè sospet! Dopo quel che te m'è faj in di sti mes!
Franca
Al sarissa di volt colpa mea?
Paolino
Se tratta no de colpa...se trata de savè speciaa on cicinin...
Franca
Oei! Bello! L'è già mò dù mes e mezz che speci... mia on cicinin...
Paolino
L'è question de dì...
Franca
E dai! L'è dù mes e mezz che te disat: l'è question da dì...Te ghet propi mia la nozion dol tempo molto precisa...
Paolino
Ben...! Lassèm a bùj par ol moment...M'è vegnù on poo d'appetit... Sa ghè de mangià?
Franca
On bel piattin de scigol in ùmid...
Paolino
Questa sì che l'è ona novità! Da quand semm sposà hoo provà nagott d'altar che scigol in umid ...Via! on poo de fantasia la guasta no 'ndol matrimoni e in sù la tovola...
Franca
Me par che la fantasia la te manca a tì...e in dol lecc...
Paolino
Ricominciomm?...Parla mia inscì! Fammm mia scaldà la pissa, parchè cala che la me se scalda... dopo so pù sa foo! Anzi te ghe fa imparà a la Consuelo domà chi disnà lì. A proposit: Consuelo, Consuelo!
(entra Consuelo) tegn! T'ho comprà on librett de ricett. L'è scrivù anca in spagnoeul, inscì tel capissat ben... E soratutt ghè mia sù de ricett con aij e scigoll!
Consuelo
Grasie! Segnora, segnore (via)
Franca
L'è ona brava tosa. Però l'ha monanca de imparà l'italiano
Paolino
E tì faghel imparà

scena terza
( detti e Maria )

Maria
( entrando ) Buongiorno ragassi!...
Paolino
Oh tè! Mò se ùsa pù picà a la porta...se riva in cà di altar sensa domandà permes! E magari l'era già lì da on poo de temp a pus a l'ù'sc par scoltà quel che serom drè a dì...
Maria
Stavi no scoltando...S'eri drè domà a passà par cas... e par cas hoo trovà la sciora Lella, che par cas la m'ha ditt certi robb...e par cas hoo sentì rebeccà...e par cas...
Paolino
E par cas che la vaga a fass benedì che l'è ora!
Maria
Oela! l'è inscì che s'ha ricev la toa segonda mama?
Paolino
Che la faga mia la sentimentala, ades! Che de mama ghe n'ho avuda vùna sola...e la m'è vanzada...
Maria
Sentìl mè l'ofend! Ma mì sont bon de s'cepat ol firon de la s'cena, te'l set?
Franca
Via! Calmevas vialtar dù!
Paolino
Me calmi ma.. ad ona condizion sola...
Franca
Sentìmm...
Paolino
Voeuri savè se te ghè ditt a Lella sora de mì...
Franca
Cossa gò d'avegh ditt?
Maria
La verità!
Paolino
Sares a dì?
Maria
Che tì...( gesto significativo )
Franca
Mamma!?
Paolino
Alora ol mè sospett l'era vera! Varda se me doveva capitaa?! Ades tutt ol paes, in on battibaleno, al savrà la mea disgrazia...Sont bel'e che rovinà!
Maria
Sa l'è par quel te sevat già rovinà prima!
Paolino
( rivolto al pubblico, dimenticando completamente le due donne che una regia di luci dovrebbe far rimanere nell'oscurità )
Sont rovinà! Me pareva de savel che i cont i sò "disèm" ol Belzebù al ma voreva toeu in gir...Tè chì se m'è capità! Poar Paolin! Maledissi quel dì che t'hoo incontrada ( alla Franca, che rimarrà impassibile, mentre un fascio di luce la illuminerà un istante ) E maledissi quel dì che hoo faa ol patto col demoni credendam de faa on afari! Sto lendenon d'on Belzebù! L'è entrà dentar de mì, in dol mè corp e poeu al s'è faj pù sentì! L'ha faa come certi amis che se fann prestaa fior de quattrini e in d'ol pussee bel se la svignen via, sensa dit nè bè e nè tè!...Lù poeu, ol Belzebù, s'è faa prestà ol mè corp e, cittus mucci, l'ha ùsà la tattica dol silensio stampa...Oei!... Nanca ona parola, nanca on cenno, nanca on starnudìn! Nagott!...Come se nanca al fudess dentar de mì...Infrattant, mì sont restaa chì mè on cial! Eh già! Credevi da fregaa la Franca fasendo ol patt col demoni e inveci...ol fregà sont stà mì! ...L'è no ona roba facile da dì! Nè tanto meno facile da faa...Ma...ma mì, cont la scusa che in dol mè corp ghè ol scior demoni, gò ona paura malarbetta... ona stramaladetta paura!...E se par sbalij al post de mett al mond on bel fiolìn foo nass on brutt demoni?... Come la mettom?...Eh! se sa...me sont fidà ona volta, la segonda...ciao Pepp! me fidi pù!...Se ol Belzebù l'è ancamò dentar de mì, se fa prest a dil, l'è bon de giogàm on quaj altar scherz...e...e in dol frattemp, in sùl pussee bel, citto citto, sensa spesa, quel brutt demoni al sarissa bon de met incinta la mè miee invece mia!...Avì capì ades? L'è ciar e sottintes che ona spiegazion compagna ghe la podi mia dà a la Franca...nè tanto men a quell'arpia do la suocera...Che Dio me scampi!...Inscì, se ol Belzebù l'ha decidù de prolongaa ol sò silensio stampa mì me troeuvi sbregà come on borin pena scioscià!..Ma.. o de rif o de rafa voeuri fornila foeura sta borlanda...parchè, caro ol mè demoni, ol Paolino al gà tegn testa anca al Belzebù, se'l te se no!...E se'l te savevat no, mò te'l set...Tè, tè e tè...! ( gestacci a piacere )
( si riaccendono tutte le luci - l'azione ritorna regolare )
( Paolino brontolando si avvia verso l'attaccapanni da dove acchiappa la giacca e il berretto )
Franca
Dove te vett?
Paolino
Voo foeura!
Franca
Se te vett foeura a faa che 'l faa anca frecc, incoeu?
Paolino
Gò necessità d'ona boccada d'aria fresca...Sa respira pù in sta cà!
Franca
Sta mia in gir tanto!
Paolino
Vedarò, se sa mai! ( calcandosi la coppola sugli occhi ) Sperèm che nissùn al ma recognossa, sa da no pover mì! (via)

scena quarta
( Franca, Maria, Luigi, Consuelo )

(rientra Consuelo spolverando i mobili)
Franca
A la m'è capitada grossa...Dio che cros!
Maria
On'altra volta te me daret a trà!
Franca
Disi la verità: tutt i tort te ghè i avevat mia...No! Però l'è mia necessari dagh a contra al Paolo inscì tant! Anca parchè al ma lassa faa tutt quel che voeuri...
Maria
Già! Al tè conced tuscoss, tranne...ol come se ciama, da sira, nell'intimità...
Franca
Sstt! Dì mia sti parol chì davanti a Consuelo (inchino di Consuelo)
Maria
Ma se la cognos nammò l'italiano?
Franca
Sì, ma ol come se ciama l'ha imparà subit s'al voeur dì! ( inchino di Consuelo) Parlèmen pù de sta faccenda: la passarà...
( campanello ) A sonan...Chi sarà?...Consuelo va a dervì...!
Luigi
( entrando ) Permes?
Franca
Che'l se comoda, scior Luis...
Luigi
Buongiorno!
Maria
( freddamente ) Giorno...
Luigi
Dovevi incontràm col Paolino...Al m'ha telefonà disendom che'l se tratava d'ona roba urgent...inscì sont corù chì de pressa...Ma... al vedi no...L'è mia a cà?
Franca
L'è andà foeura propi on attim fà...Possibil che la mia incontrà?
Luigi
No! Hoo incontrà domà on mezz delinquent che 'l gaveva ol berretin ficcà in sui oeucc...On tipo stran...al sarà stà vùn de quij ligera de Porta Cicca: al m'ha faj perfina paura...Intra de mì hoo ditt...quest chì o l'ha massà on quaivùn o 'l va a massà la suocera...
Maria
Tiè!
Franca
Mò che gà pensi... quel tal che lù l'ha vist...al sa regorda par cas come l'era vestì?
Luigi
Al gaveva sù ona giacca de velù, marron, se no ma sbagli...
Franca
E ol berret?
Luigi
Color trasù di ciocch...Al gaveva anca, mo' me vegn in ment, ona sciarpa rossa lusenta...
Franca
Ma alora l'era ol mè Paolin...Come l'ha faa a mia cognossal? ( campanello )
Luigi
Ma...a mì me pareva no ol Paolin... ( campanello )
Maria
Consuelo... Va a dervì de neuv, va!
Luigi
( tra sè ) Questa l'è bela: hoo nanca recognossù ol mè amis...

scena quinta
( detti e Lella )
Maria
( andando verso la comune) Buongiorno sciora Lella. Novità?
Lella
( entrando ) Buongiorno a tucc!...Ho vist ol Paolino cont ona piva addoss...mocc,mocc...sloffi, sloffi...
Luigi
Ma sa poo savè quel che è success?
Lella
Ma...al sa ammò nagott?
Luigi
Mì vegni giò dai nivor...
Lella
( guardandosi intorno circospetta ) Al sa no tutta la storia?
Luigi
Quale storia? La sa spiega mej... la me lassa mia chì col fiaa sospes...
Franca
Via, Lella...l'è mia ol cas...
Lella
L'è ol cas sì! Che al senta: ga la cùnti ciara e netta!( prende in disparte Luigi e gli racconta tutto sottovoce, scene di esclamazioni, di meraviglia, di sorrisetti...)
Maria
Dispèrat! T'è vist cos t'è capitaa a mia daa a trà a la toa mama?
Franca
( scuote la testa, poi va da abbracciare la madre ) O mama, mama!

scena sesta
( detti e Paolino )

( Paolino rientra bianco in volto, attorcigliato su se stesso, le mani se le passa in continuazione sullo stomaco e sulla pancia )
Franca
Te set rientrà?
Paolino
M'è vegnù adoss on mal de ventar, tal che na podi pù! O Dio che sconquass in di busecch!
Franca
E sì che t'è mangià nagott incoeu!
Paolino
A saran staj tucc i tò scigol e pucia...Dù mes e mezz de fira a i hoo tra giò in dol gargaroeuz...
Luigi
A te set bianch come on pagn de bugada...T'è ciapà on quaj stremizzi di volt?
Paolino
L'è on poo de mal de ventar... ma...ma ades al m'è quasi passà...
Lella
Fagh on poo de ris in bianch che 'l restring i busecch...
Paolino
Gò mia famm...
Lella
On poo de the al limon..
Luigi
O ona bela limonada calda... ghè no come ol limon par fermà ol demoni che 'l ruga in la panscia...
Paolino
Ol demoni? Ol demoni? ( come in delirio ) E già! Me n'eri desmentegà! Belzebù in persona...in dol mè corp...!
Luigi
Ma se te disat cos'è?
Paolino
( uscendo arrotolato su se stesso ) Ol demoni...ol demoni... ( Franca lo segue )
Luigi
Ghè no come i dolor de ventar par faa certi dann ( fa segno la testa )
Lella
Sperèm che sia naggott de grave...
Maria
Se vorì ca'l sia? On pù de mattaria che la ghe spasseggia sù e giò...
Luigi
La sciora par daa via i sassà l'è fada aposta...
Lella
Beh! Mì devi andaa...Tiri sù ol fabrian e scapi...Caso mai passarò pussee tardi.. a vedè come stà ol moribondo... ( via )
Luigi
Macchè moribondo d'egitt! Par on poo de mal de ventar!...Beh! Scappi anca mì...Arrivederci!
( affacciandosi alla porta della camera ) Mì voo! Se ghè bisogn de mì ciamèm! ( via )

scena settima
( Maria, Paolino, Franca )

Franca
Al s'è calmà on attim...Sperem che sia nagott de grave...
Maria
Mò calmes anca tì....Te ghe n'è bisogn! Mì torni a cà mea...Chì gò pù nient de faa...E sta mia in penser par on ostrega compagn...! Al guarirà...e pussee svelta de quel che te credat...
Paolino
( rientrando un po' curvo ) Me senti mej, decisament...
Franca
Ma te dovevat stà butà giò...Inscì te ciapet frecc par nagott!
Paolino
L'è mia necessari...Me senti mej, ades... Intrattant me sgranchissi on poo i gamb....
Maria
Mi voo! Rivederci ( via )
Franca
Ciao, mama!
Paolino
Addio! ( guarda nella credenza ) A m'è vegnù famm...L'è segn de pronta guarigione...Ghè on quaicoss de mett sota i dent?
Franca
Mì avevi preparà on poo de scigol in umid...
Paolino
Manzionom mia i scigol...che ghe n'hoo pien la scuffia!
Franca
Voeur dì che andarò giò da la Rosmarì a toeut on poo de companatigh...Se te preferissat cos'è? Strachìn, robiola, pansceta, brisaola? Ona bella pagnota francesa...?
Paolino
Ved on poo tì quel che ghè...Par mì me bastaria anca domà ol strachìn...
Franca
Hoo capì...A voo, ma... moeuves mia da chi, eh? E se te risentat i dolor ciama la Lella che la abita visin al zerusigh...on quaj rimedi al se troeuva sempar... ( Franca sta per andarsene, ritorna sui suoi passi ) Desmentegavi! Ol numar de la Lella l'è dentar in do la rubrica verd, sotta al nomm Camperini...
Paolino
Caprini...
Franca
Camperini, Camperini...! Mia Caprini! ( via )

scena ottava
( Paolino e Belzebù )

Belzebù
Hinn andà via tutti?
Paolino
Sì!
Belzebù
Meno mal...podarèmm parlaa come se ciama, pussee liberament...
Paolino
Oei! Ma te'l set che te me l'è combinada bela? Diavol bestia!
Belzebù
Vosa no! Che hoo già sentì,come se ciama, i mè da chi di dovere!
Paolino
E mì se devi dì alora?
Belzebù
Basta che te disat mia sù i solit scemà, parla pùr come se ciama liberament! Come se te fudessat mè fradel...
Paolino
Pian cont la parentela! Mì sont nammò de andà giò all'inferno...
Belzebù
Sa faa par dì...
Paolino
Ma spieghem on poo come mai te rispondevat mia, cont tutt ol ciamà che hoo faj in di stì dù mes e mezz chì! Parchè te se fasevat no sentì? Disi mì: in scherz da tiramm...?
Belzebù
L'è mia staj on scherz...Ol fatto l'è,come se ciama, che me sont addormentà...
Paolino
E te dovevat indormentass propi dentar de mì? Te gavevat mia on parent pussee prossim?
Belzebù
L'è staj ol pranzo dol tò sposalizi...Troppa roba...Trop vin, trop, come se ciama, spumante...troppi liquori...e tucc mes'cià insema...a m'hann faj ciapà la dorma! A te faj on asciolvere degno d'on re! Che disi? D'on papa!...e che ol Lucifero al me perdona!
Paolino
Sfidi mì! Al m'è costà lira de Dio...Ma... te dovevat dormì dù mes e mez firà?
Belzebù
A questa segonda domanda l'è difficil, come se ciama, daa ona risposta....Riessi no, a ben pensagh a sora, come se ciama, a rendom cùnt...Dopo on para de dì, mì seri adrè a disedàm...ma quand che hoo incomincià a dervì i oeucc, improvvisament, m'è parù de vess finì, come se ciama, in d'ona navascia, talment che ghera intorna ona spuzza... ma ona spuzza... Ona specie de gas mortifero, pestilenzial, che'l m'è penetrà in do la gora e da lì in di polmonn...Tant'è vera che me sont riaddormentà de bel noeuv...Hoo fina pensà,come se ciama, de vess finì in do l'Olona e mia in do la tò panscia...Soo no che cossa pò vess staj...
Paolino
Ona grand spuzza t'è dit? ...A eren i scigol in umid, sont sicur!
Belzebù
Ma tì te ghè domà stà roba de mangià?
Paolino
A l'era la mè donna che la me dava tutta stà porcheria!
Belzebù
E parchè mai?
Paolino
Quest ta'l spiegarò in privà...
( si sentono dei passi )
Belzebù
Hoo sentì sbatt la porta ...la dev vess la tò miee...
Paolino
Via, via! Che se la ta troeuva chì gà no pù do la bona... ( Belzebù via )

scena Nona
( Franca e Paolino )

Franca
Con chì te parlavat?
Paolino
In de per mì...
Franca
Mò te parlat anca in de per tì? O Signor! Chi sont andada mai a sposaa!?
Paolino
Te se lamentat anca? Dopo tutt quel che tì, e sottolinei tì, te me faj passà....
Franca
Me par che gavarìa ben ol diritto de lamentamm...dato che dopo dù mes, e sottolinei dù mes, mì sont ancamò...
Paolino
Citto, citto! lasèm a bùj che la storia chì di dù mes... Tira foeura puttost quel che t'è comprà che voeuri faa on bel pastegg...
Franca
Da strachìn ga n'era pù...Hoo pensà de toeut on quaj etto de panscetta e ona focaccina...
Paolino
Liscia...
Franca
Cont i scigol...
Paolino
( in escandescenza ) Basta! Basta! Voeuri pù nanca sentì numinaj!
Franca
Lassa a stà la focaccia e toeu sù la pansceta...
Paolino
A m'è passà la famm....
Franca
Intant che te gà pensat sù se disnaa o saltaa ol past, mì voo de là a faa sù ol lecc... Sperem che stasira...
Paolino
( irato ) Basta hoo ditt! Sa te suguitat a rugaa in la cacca col legnett?!
Franca
Ih! Che caratterin! ( via )

Scena decima
(Belzebù e Paolino)
Paolino
( mentre Belzebù si affaccia dal fondo, guardandosi attorno, quasi circospetto ) A t'è sentì? La ma ditt: che caratterin! Questa l'è bela! Dopo tut i sò scalmann d'incoeu!
Belzebù
Ma a mì me par che la gabbia mia, come se ciama, tutt i tort...
Paolino
Oei! Disi! Da che part te stet? Te voeurat faa anca tì come certi politigh: dù part in commedia?
Belzebù
I doveri coniugali...
Paolino
Ma quali doveri coniugali? E se dopo, cont tì in dol mè ventar, me naseva on demoni de la toa fatta?
Belzebù
T'hoo già spiegà che ona roba simil, come se ciama l'era no possibil che la se verificassa...Mì s'eri dentar de tì cont ol mè spirit...Del rest, se te me vedat, come se ciama in carna ed ossa, l'è domà par semplificà i robb...Mì sont mia faa de carna come on povar essar mortal...! Sont on angiol, mì, sia pùr borlà giò all'inferno...e come se ciama de segonda categoria...!
Paolino
Sarà...
Belzebù
Ma vegnìmm ai robb pussee seri...
Paolino
Saress a dì?
Belzebù
Saress a dì che gò bisogn de ampliaa la mea inchiesta sui donn...In dol frattemp hoo cognussù come se ciama la toa miee, ma l'è no assee...Gavarissi bisogn de faa, come se ciama, la conoscenza anca d'ona quaj altra donna...
Paolino
La mè suocera, me par, la faa al caso tò!
Belzebù
Ben! Ma...l'è necessari ciamala chì...
Paolino
Eh no! Già ghe n'hoo pien la scuffia de lee! L'è sempar tra i pee! E poeu l'è no necessari ciamala...
Belzebù
Parchè?
Paolino
La se intrufola sempar in cà mea, quand meno te la specet...e ...quand la daa pussee fastidi...
Belzebù
Beh! Sperem che la càpita chì prest...inscì finirò svelta come se cima l'inchiesta...Prima me liberi da stì donn mej a l'è!
Paolino
Mò te l'è dia giusta!
Belzebù
Oh bela questa! Ma se te favat inscì ol matt fina a tentaa ol suicidi par pudè toeun sù vùna?
Paolino
Savevi no se'l voreva dì...S'eri sensa esperienza...Mò che hoo faj questa scemada, me lassi pù toeu in dol lacc...
Belzebù
Bravo! Ma te podevat pensagh sora prima!
Paolino
Gavevi di cattiv consilier...Soratutt ol coeur! ( campanello )
Belzebù
A sonan! Magari l'è la toa suocera...
Paolino
Quest l'escludi certament! L'è la sona mai!

scena undecima
( detti, Lella e Franca )

( campanello )
Paolino
Ma te stet chì? Te sparissat no?
Belzebù
No. Tant la gent comune la ma ved mia. Domà tì te ghe 'sto, come se ciama, privilegio... e ( al pubblico) lor... ( campanello )
Paolino
Te set sicur de quel che te fet? Combinom mia on altar scherz...
Franca
( rientrando di corsa irata ) Ma te sentat no che sonan? Te stet lì mè on cial a parlaa in de per tì! Ma se te ghet ados incoeu? Mena almanc ol feton, diavol bestia!
Lella
( entrando ) Senti vosaa... alora ol Paolino al stà mej!
Franca
Al stà mej sì...ma al me par ancamò on poo rembambì dal dolor...
Lella
Ma va?
Franca
Al sa comporta stranament...
Lella
E tì dagh on quaj ricostituent...
Paolino
Basta che 'l sappia mia da scigol... ( il diavolo intanto tiratosi da parte annota tutto quanto )
Lella
Tra l'altar, sempar par sta in argoment, mi a cognosaria quel tal ceruzigh, napoletan...in via del tutto eccezionale al podaria fagh ona visidina specializzada....
Paolino
Ghè nanca da parlann de stì robb chì! ( il diavolo a cenni lo convince ad accettarre )
Lella
Ma l'è on omm discreto e al gà ona reputazion ottima!
Franca
Te sentat?
Paolino
Sont mia storno! Ma... insomma...vedrem.. ( il diavolo gli dà una scrollata alle spalle ) Va ben!
Franca
Ma la costa tanto sta visita chì?
Lella
Se l'è par quell te devat mia preoccupass...L'è onest in di costi...Anzi, te disarò, ma va mia ingir a dill, on quaj annetto fa l'è staj ol mè amante... ( il diavolo si frega le mani soddisfatto )
Franca
Ma te parlat in sul seri? E ...e ol Sandro?
Lella
Ol Sandro al sa nagott! Oh! Me raccomandi cittus muci! Par on cornett sù e giò l'è mia poeu la fin d'ol mond!
Paolino
( a Belzebù ) Varda tì che purscela! Tanta e tant l'è mia la fin d'ol mond istess...on quaj cornetto sù e giò! ( a Lella ) E sò marì al dovaria vess content... in sù la crapa a ghinn spontà i corni, sì, ma hinn corni dol tutt specializzà!

Scena dodicesima
( detti e Maria )
Maria
( entrando ) L'è permess? Podi vegnì avanti?
Paolino
Ghè mia bisogn de domandaa permess, ormai chì l'è cà soa...
Maria
Buondì a tucc!
Paolino
Contaccambio con riverenza!
Maria
Come al stà ol moribondo?
Franca
Al stà mej, grazie a Dio!
Paolino
Fina a pocch istant faa al stava mej...Quand l'è vegnù dentar lee, ol moribond l'ha incomincià a peggioraa... E ades ghe se rivolta ol stomigh sott sora
Franca
Te pudaressat vess on poo pussee gentil con la mea mama!
Paolino
L'è toa de mama, mia la mea... Mì sont mia staj inscì sfortunà... e poeu ol Signor la ditt de rispettà i propri genitor, mia quej do la miee! Anzi... Te set parchè ol sant Pedar l'ha tradì ol Signor? ... Parchè al gaveva guarì la suocera... ( al demonio ) E tì segna giò, lassa mia scappà nanca ona virgola: me
raccomandi! Chi la materia la ghè... e come!
Franca
Ma se te ghet de parlaa sempar in de par tì?
Lella
L'è drè a invegì prima d'ol temp...
Maria
Chi invegiss, immatiss...
Paolino
Sent chi parla!... E poeu... on omm che 'l parla in de par lù, l'è no vegg... l'è onest! La dis anca ol Manzon che la saveva longa! ( al demonio ) Intant gò dà anca dell'ignoranta!
Lella
Cambiand discors... Franca se t'è decidù coss'è? Podi telefonà al mè amis dotor? T'assicuri che l'è on specialista!
Paolino
Se l'è bravo come a incornà i marì, se poo tentà!
Franca
Al fenn ciamà, Paolino?
Paolino
E tì fal ciamaa!
Franca
Sicur? te cambiat mia idea dopo?
Paolino
Sicur! Caso mai se bastassen mia i danè, la sciora Lella la ghè farà ona quai moina in pù, on quaj basìn, tant par condil via on cicinin... E se ghe bastass no anca quest, ghemm sempar pronta la toa mama che cont la soa esperienza...!
Maria
Oh! Ma se te credi che mi sia disposta a pagare anca per te, ti sei sbagliato de grosso!
Paolino
La s'è metuda drè a parlà talian par ess pusse sicura de fass capì che l'è mia disposta a pagaa par mì...Ma mì intendevi mia cercagh i danè... Mì intendevi domà desliberam de lee...dandola in pegn, come recompensa, cioè, al scior ceruzigh...!
Lella
Allora restomm intes inscì...Mì me foo premura de ciamal...Arrivederci... ( via )
Paolino
( con un profondo inchino, imitando le corna ) Ar-ri-ve-der-ce-la!
Franca
Mò te se metat adrè a faa ol paiasc!?
Paolino
In cà mea foo quel che voeuri mì! E poeu a paiàscia se rispond de paiàsc...
Maria
Tucc i volt che vegni chì troeuvi sempar ona quaj novità...
Paolino
E lee che la se sparmissa de vegnì chì, inscì i novità i a incontrarà mai pù!
Maria
Scapi parchè podi pù sopportal! ( via )
Paolino
L'è ona roba reciproca! Ma mì scappi no, parchè chì l'è cà mea! ( affacciandosi alla comune ) Che la cora mia tropp, che l'è vegia! E la ri'scia de borlà giò ... La faga attetnzion ai scar ch'inn ripid...!
( rientra )
Franca
Te l'è tratada malament incoeu la mea mama!
Paolino
L'è lee che la mè incita!
Franca
Ma te set stà tropp maleducà! Esagerà!
Paolino
Beh! Forsi sì! Ma ogni tant, certi donn, l'è necessari strapazzai on poo! Cala de faa la fin de quel mè amis de Porta Cicca che al vosava e criava mè on matt...se sa faa mia inscì cont chì donn chì...se sa faa mia inscì!... e intant a l'era adrè a ciapai sù a Dio bela! E propi da la soa miè! Altar che!

TELA












ATTO III

scena prima
( Paolino, Belzebù, Franca )

Paolino
A te comincett a vegnì a capo de quaicoss o no?
Belzebù
Ades sont on poo pusse pratich de tutt i ciaciar di donn, di sò sotterfugi, di sò malefizi. Insomma,come se ciama, a pocch a pocch me corgi che, chi oman che se lamentan di donn, tucc i tort ghè i hann mia...
Paolino
Alora la toa relazion la va a gonfie vele!
Belzebù
Mia mal! Te disarò che stò mettendo giò ona borlanda de quej che, quand la leggeran all'inferno, la gà de faa, come se ciama, l'effetto d'ona bomba atomega!
Paolino
Ol mè servizzi, donca, l'è sta ben faa...Podi sperà in ona quaj benemerenza?
Belzebù
Sù quest ghè no dubbi! Ol nostar resgiò al sarà quel che 'l sarà, ma i merit a i a sa recognoss!
Paolino
Ma... quell'altar resgiò, ol resgiò de tucc i resgiò, al ma darà on premi o no?
Belzebù
Par avè collaborà cont on demoni? Questa l'è bela! Ma te'l set no che semm mè can e gatt?
Paolino
Se c'entra quest? La mea l'è stada mia domà ona collaborazion infernale! De rifless hoo vùtà anca ol paradis! Ona inchiesta la po vess de destra o de sinistra, ma quand l'è faja cont i carismi de la scienza, la resta neutral...
Belzebù
La po vess anca gialda mè on pett... ma tì, caro ol mè tos, t'è collaborà cont mì...Ora te set, come se ciama,coinvolto con l'inferno... e... mia tirass indrè!
Paolino
Me stremissi mia istess!... Par ol moment!...Anca parchè me divertissi on mond a vidè la storia cont i oeucc dol mond de là...
Belzebù
E se tì te se divertissat, mì gò piasè...l'è bel vess circondà de gent alegra e che la lavora in allegria... Ona volta tant sont foeura dai pianti, dai lament e dai stridoor di denc...che hann reso famos ol
nostar inferno...
Paolino
( mettendo una mano all'orecchio ) Ghè scià la me dona...A senti la sò pedana...Se la ma sent parlà con tì dopo la ma rinfaccia de vess a drè a discors de par mì... gà no pù do la bona...!
Belzebù
E ti lassa che la te rinfaccia... tant e tant l'è mia la verità istess...
( Franca si affaccia scuotendo la testa )
Paolino
Ma...te set come hinn faj i donn
Belzebù
Ai donn la verità bisogna mai digala...tant e tant, come se ciama, te credaran mia istess...
Paolino
Quest l'è vera!...Ona volta che gò ditt a la Franca de vess stà a balaa con la Gineta Sguerscetta, la m'ha mia credù...E l'era vera! ...On'altra volta che gò ditt che hoo faj tardi parchè me s'era sbusà ona roeuda do la machina,...e l'era la verità...l'ha ma cusà de vess staj in gir cont ona sangueta che avevi tirà sù in autostop...! Varda on poo tì!?
Franca
Ma cossa l'è che te biascicat sempar... ol rosari?
Paolino
Sont mia inscì religios...
Franca
E te dovarissat vessal inveci!...Almenn te passarian tucc i stranezzi che te ghet ados!
Paolino
( al diavolo ) Andemm de là che se parla mej!( via lui e Belzebù )
Franca
A mì me daa di preoccupazion, sto fioeu chì! Se l'amassi no, e se ghe fudess mia on poo de religion e de fed a fermamm, l'avarissa già piantà d'on pezz...Ades poeu, l'ha ciapà sto brut vizi de parlaa in de par lù...! Sò no come la sia stada, sò no da chi l'abbia imparà!...Sò domà che 'l se mett lì e al stà drè di mezz giornà a ciciarà... a ciciarà...E ol bel do la faccenda l'è che riessi no a capì nanca ona parola de quel che'l dis...Se fudessi bona de entrà 'dol discors che'l faa, magari saria anca bona de faghela mucaa...Inveci...nagott! Come se tra mì e lù ghe fudess de mezz ona paret, o ona persona...ona quaj diavoleria, insomma, do la qual riessi no a fornì l'ascia...!( Paolino entra canticchiando con gioia )
Se te ghet mò de cantaa?
Paolino
Parchè ades se poo pà cantaa?
Franca
Te ne domandavi ol motiv!
Paolino
Ol motivo l'è che sont content!
Franca
Meno mal: a l'è content! A me se rinfranca ol coeur...al fudes sempar inscì!
Paolino
Al sarà sempar inscì...te vedaret ( via canticchiando )
Franca
Riessi pù a capil! On bott l'è rabbià mè on espas, on bott l'è alegher come on sgarzunscell..
( campanello )

Scena seconda
( Luigi, Franca e Paolino )

( Belzebù entra in scena e sparisce a suo piacimento, sempre con un calepino tra le mani sul quale segna in continuazione)

Franca
Che sia già chì ol zeruzigh?( campanello ) ( Consuelo va ad aprire ed introduce Luigi)
Ah! L'è lù, scior Luis!
Luigi
In persona! Al ghè ol mè amis?
Franca
Sì, sì! Al bala in gir par la cà mè on fringuell de tant l'è content...E...so no ol motiv de tanta soa contentezza...!
Luigi
Oei! Paolino! Doe te set? Vegn foeura che gò de parlatt! Se tratta de on affari important!
Paolino
(d.d.) Se se tratta de afari sont pront in d'on baleno! Voilà!
Luigi
Oh! Te parlat anca frances ades?
Paolino
Frances, ingles, brianzoeul, turco! Tucc i lengu de sta terra...Del rest, basta stagh a drè on poo pussee ai donn e la lengua te imparat subit a fala andà!...E polito!
Luigi
A noti che te set in vena de scherzaa incoeu! E se vùn l'è in vena de scherz al voeur dì che'l stà ben... nel moral e nel corp...
Paolino
Te ditt ona grand bela novità! La savevi no! A me la marcarò giò chì sul calepìn, inscì doman me foo bel disendola mì, sta panzanega...Te voeurat par cas i diritti d'autore?
Luigi
Tegnassej par tì!
Paolino
Meno mal! Parchè costen on oeucc dol coo! Basta vardà i compagnij de teatar come hinn strepenà!
Luigi
Par fala brev...te disarò...Se trata de quela benedetta società par la divulgazion do la psicanalisi...Te me la det sì o no la risposta? ( il diavolo che nel frattempo era entrato fa cenno di sì )
Paolino
Specia on moment...( si avvicina al diavolo ) Ma.. te set sicur che l'è on afari?
Belzebù
Sicur al cent par cent no! Ma al farem diventà,come se ciama, on afari, damm a trà!
Franca
Quand se trata de ciapà ona decision importanta ol mè marì l'ha ciapà l'abitudin de boffonchià in de par lù!
Luigi
Lassal boffonchià!... Al guarirem in pressa!
Paolino
Ben! Alora mì ghe stò! Te ditt che la spesa inizial... la quota associativa l'era...
Luigi
On milion...
Paolino
( consultandosi con Belzebù ) Mì ghe n'hoo no de milioni da bottaa n'dol navascè!
Belzebù
Fatej prestà do la suocera...
Paolino
Sì! t'è trovà quela giusta!
Belzebù
Te vedaret che par quej afari chì i danè i a tira foeura. Scomettom!?
Paolino
Tentar non nuoce! Pari l'è mè, dispari l'è to! Bim bum bam... Te m'è fregaa on'altra volta! Ghe i e cercarò!
Luigi
Alora?! T'è decidù?
Paolino
Hoo decis...Ghe stò!...Ben intes ( guardando fisso la moglie ) se riessi a trovaa ol contante...
Luigi
Bene! Alora voo a toeu ol contrat, tel porti chì in on bott...e...e te set bel'e che sistemà!
Paolino
Sont bel'e che ciulà!
Luigi
Torni indrè subit! Sortiss mia...Speciom! ( via )

scena terza
( detti e Maria )

Maria
Hoo trovà avert... e sont entrada...
Paolino
( a Belzebù ) Lupus in fabula!
Maria
( a Franca ) Hoo vist andà via ol Luis.. S'al voreva quel cacazibett lì?
Franca
L'è vegnù in gir par propon on affari al Paolino...
Maria
Eh, già! A nessùn d'altar al podaria rivolgess! Nissùn l'ascoltaria...Domà ol tò Paolino al gà daa a trà aon brentador compagn...!
Paolino
A resti in botta a sentila parlà inscì! L'ha monanca de sentì de cossa sa tratta!?
Maria
Gò mia bisogn de sentì! Quand i afari arriven da ona certa part... hinn sempar cattivi afari! Punto e basta!
Paolino
O diavol! A rifom ol bim bum bam?!
Belzebù
Specia a parlaa, borich! E good la scena!
Maria
( a Franca ) Che afari l'ha poeu propost ol Luis?
Franca
Ma!?... Hoo mia ben capì!...So che 'l parlava de milioni...
Maria
Oh! L'ha cambià mestè ol Luis? Sa l'è diventà? Ol rochetè de Porta Vigentina? E poeu?...Dopo i milioni de cossa descorevan i per-ve-nù?
Franca
Ol Luis al parlava d'on psichiatrich e... e di volgarità...
Paolino
Te set andada a scoeura al giovedì e a la domeniga tì? Che psichiatricch d'egitt! Che volgarità d'inferno! Se tratava de costituì ona società par promoeuv, divulgaa, volgarizzaa...- cioè: spiegagh a la gent...- la psicanalisi e la psichiatria! Vialtar donn capì sempar Roma par Toma... ghè nagott de faa...A sii irrecuperabili!
Maria
I ball in bon de faa buj...! Comunque...sto affari te disarò che al ma interessa anca a mì...!
Franca
Eh!?
Belzebù
Se t'hoo ditt?
Paolino
E alora se la gaveva prima de dagh inscì a contra al mè amis e de zabettà inscì par nient?
Maria
Me sont sbagliada...Podi no sbagliàm?
Paolino
( a Belzebù ) Segna, segna! Ciapa on registrador! A l'è on avvenimento storico quest chì!
Belzebù
Tass! A sò anca mì qual è ol mè mestè! Gò mia bisogn, come se ciama, d'on aiuto-diavol...Va là!
Paolino
Consuelo, Consuelo! Porta scià on para de bicer, mi portarò chì on vinell special par festeggiaa l'avvenimento...
Maria
Quale avveniment? L'affari?
Paolino
No! Ol fatto che l'haa recognossù d'avè sbaglià!...
( Consuelo entra con i bicchieri)
Maria
Ma...
Paolino
Contrordine! La suocera si ritira! Porta indrè i bicer (Consuelo esegue)
Franca
Ma chi l'ha mai ditt? Consuelo riporta pur scià i bicer che festeggiom!(Consuelo rientra)
Paolino
Me pareva, vist che bisogna versà on para de milioncin...!
Maria
Cert che in che'l cas chì mì andarò coi pee da piomb...
Paolino
Ecco parchè la striscia sempar i sciampitt quand la camina! Consuelo riporta indrè i bicer!
( Consuelo esegue)
Maria
Innazitutt voeuri vidè ben de cossa se tratta, in modo pussee dettaglià...
Paolino
Quest l'è giust! Però ades a mì m'è vegnù voeuja de festeggià istess! Consuelo, riporta scià i bicer!
( Consuelo esegue)
Franca
Forsi l'è mej specià quand se ne savarà on poo da pù... Consuelo riporta via i bicer...
(Consuelo esegue)
Paolino
No! Voeuri brindà ades! Consuelo i bicer! ( Consuelo esegue)
Maria
L'è mej speciaa! Consuelo riporta via i bicer( Consuelo stanca finalmente posa i bicchieri sul tavolo e manda alla malora tutti quanti)
Paolino
Ben! Se podi no brindà in cà mea, andarò foeura a brindaa, insema ai barboni dol Pont Rott!
Franca
Ma ol Luis l'ha raccomandaa de mia sortì!
Paolino
Mi sorti istess!...In barba a tì, a lee e on poo anca al Luis! ( via )

scena quarta
( detti e Luigi )
Franca
A riessi pù a capil!
Maria
A l'è matt comè on caval de corsa!
Franca
Ma tì spiegom on poo come t'è faj a vidè on afari in di propost dol Luis...
Maria
Te i e leget no i giornaj? Te set no, cara la mea tosa, che la psichiatria e la psicanalisi l'è roba d'alta borghesia? E mì voeuri mia restà foeura dol gir! ...A ditt la verità so no spiegamm come ona roba compagna la sia capitada in di mann dol Luis...ma...comunque... par ol moment... starem a vidè...Sto chì sul chi va là...!( campanello )
( Consuelo fa entrare Luigi)
Franca
(alzandosi e andando verso la comune mentre Luigi entra)
A seromm drè propi a discor de lù! Chel vegna avanti ( entrando ) chel se comoda! Ol mè marì l'è sortì on attim, ma al torna prest...
Luigi
L'è sortì? Oh che testa! Gò ditt ancasì de mia andà via che tornava immediatament col contrat!
Maria
Prima al sa setta giò chì, scior Luis! Poeu al me faga dà on'ogiadina anca a mì a stò contrat... Vedemm on poo de cossa se tratta...( prende il foglio e legge ) Interessant...oh!...L'è propi vera...al manca... al manca...interessant...sì! l'hoo sempar ditt anca mì...! gà voeur ono stimolo...mia mal...( a Luigi ) Se podaria no vegh ona copia anca par mì? La ma interessa sta faccenda...
Luigi
A resti pussee che compiaciuto de on simil interessament...Me farò in quater par daghel...Anzi...se propri la insist ghe podarò dagh ol mè personal, tant l'è nammò firmà, nè nient...
Maria
E ol conquibus?
Luigi
Par quell, pussè prest al ghè, mej l'è, sciora Maria...Sa, l'è ona roba che la interessa on mucc de gent ... E chi primo si accomoda, come dis ol proverbi....
Maria
Quel l'hoo ben capì durante la lettura...Ma lù, cal scusa la mea curiosità, come la faa ad avegh in di mann ona robba simil?( campanello. Consuelo va ad aprire )
Luigi
Al sarissa ona borlanda tropa lunga da spiegaa...Tirerem nocc...On'altra volta, magari...in d'on altra occasion...Magari quando se incontrarem davanti al nodar, prima de mett la firma...

scena quinta
( detti e Lella )

Lella
L'è mia in cà ol Paolino?
Maria
La ved bè che l'è mia chi!
Lella
Ma a momenti al sarà chì ol cerusigh, don Sante Dragone, al riva fin de Napoli...Oei! Mia de fal vegnì chì par nagott,eh!? Dopo bisogna pagal istess! L'è mia vùn che'l se scomoda per nient!
Luigi
Al speciarà on moment, come del rest sont adrè a faa mì!
Franca
I personn important se fann sempar speciaa!
Maria
Te voraressat mia dì che ol tò marì l'è ona persona importanta!?
Franca
Par mì l'è comunque pussee important d'ol ceruzigh
Lella
Anca parchè ol don Sante Dragone l'ha faj ol gir dol mond?
Luigi
In ottanta dì, scometti! Andata e ritorno!
Lella
Ghè nient de scherzaa! E poeu... e poeu...vidarè che sapienza ... che ... comportament ... che...alùre...che...dignità....che...
Maria
Che la spantega mia giò trop, ades!
Luigi
Sentivi già ona certa spuzza...
Franca
Ma vers che ora l'ha ditt chel sarà chì sto ceruzigh?
Lella
De precis l'ha no ditt...Ma de solit al riva in gir vers l'ora dol disnà...
Maria
Mia stupid ol Napoli, eh!?
Luigi
E la ma disa on poo, sciora Lella, ol mangià l'è compres nel prezzi o l'è a part?
Lella
Quel al dipend dai conoscenz che 'l gà...
Luigi
Alora, cognosendola lee, podom stà tranquill...ol disnà l'è compres! Va ben inscì?
Lella
Pensi che al dovarissa no lamentass....se ol disnà a l'è da so gradiment...
Franca
Oh! Se l'è domà par quest, ghe pensi mì a faa on mangiarino coi fiocchi par mia scontentaa ol dotor...
Luigi
E la dotoressa!
Lella
Voo a special in cà mea...l'appuntament l'era lì...( via)
Maria
Che la vaga pùr! Nùm de chì sa moeuvom mia...
Luigi
M'è vegnù in ment, sciora Maria, a proposit dol contratt, d'andaa a ciamaa ol nodar...Inscì prima l'è fada, mej a l'è...
Maria
Mì vedi no tutta sta pressa...però se lù al stà pù in do la pell, che 'l vaga pùr a ciamal sto nodar ... Gò giusta chì ol librett di assegn...firmarò...e quel che ghè faa l'è faa...
Luigi
Ben detto! Oh, che brava! Lee sì che l'è intellingenta...Torni subit, donca...Arrivederci...( via )

scena sesta
( Maria e Franca )

Franca
Me par che te gabiat vù on poo de pressa in de faa sto afari...tìhoo mai vista inscì prima d'ora...
Maria
A voeuri mia famel scapà! Se tratta de entraa nel gir dell'alta borghesia milanes...Te capissat?
Franca
Capissi... Ma al me par on poo tropp precipità sto afari chì!
Maria
Tì pensa al disnà, va! Che mì pensi ai danè!
Franca
Ben! Voo de là a preparà on poo de roba bona da mett sota ai denc...Se riva ol Paolino, fa no la scorbutica, come al solit...Trattel ben, me raccomandi!
Maria
Gò no bisogn de consili... e tant meno de tì...

scena settima
( Paolino, Maria, Belzebù,Consuelo )

Paolino
A t'è capì? Carissim Belzebù? Scusa se t'ha dò dol carissim! A t'è capì come hinn faj i donn?
(intanto entra Consuelo per le solite pulizie)
Belzebù
Te disarò che me speciavi no tanta malizia...tanti sotterfugi...E par contra tanta,disemm, ingenuità, quasi santa, da part di omen!
Paolino
Sent che odorin! ( a Consuelo ) Se l'è adrè a faa de bon la mea miee?
Consuelo
No he entendido
Paolino
Noè che cosa?
Maria
Noè en dido... A l'è on disnà dol sudamerica. Ignorant!
Belzebù
(a Paolino) No he entendido al vouer dì che la mia capì
Paolino
Ah! E poeu a saria mì l'ignorant!? (a Maria) Ma ca la me faga ol piasè!
Maria
Parchè?
Paolino
Parchè no he entedido al voeur dì che la capì nagott! Capito? Ignoranta al quadrato!
Maria
Sa devi savè mì?
Paolino
Almen la savarà par chi hinn sti gran preparativi...parchè mai sto gran daffari?
Maria
Vegnerà chì ol ceruzigh, da Napoli...
Paolino
Ah! Hoo capì...Ol viagg ghe mett appetenza...
Maria
La dis la Lella che l'è on grandissim specialista...
Paolino
Nel mangià?
Maria
Macchè! Nel visità la gent!
Paolino
E nel fass pagà? L'è specialista anca in quell?
Maria
Savaria no...Però, dato i conoscenz, la diss la Lella che se po condil via cont on poo de disnà...
Paolino
Scommetti che par contorno ghe dispiasarian no i cornitt...
Maria
La Lella la assicura che l'è on grand omm!
Paolino
Nel mett i corni ! Appunto !
( campanello )

scena ottava
( Detti e Luigi )
Paolino
Avanti...l'è avert!
Luigi
( entrando ) Ah! Te set tornà? Ma ades l'affari te l'ha soffià la suocera!
Paolino
Fa nagott! Al resta sempar in familia!
Maria
E ol nodar?
Luigi
L'hoo mia trovà in cà! Però in compens sont reussì a trovà ol president do la società costituenda...Se la voress faa la soa conoscenza...Ghel podi portà chì?
Paolino
Porta, porta! Tant on piatt in pù o in men l'è istess... quand se tratta de mangià a va ben tuscoss! tranne i scigol in umid,quej no!
Luigi
Alora voo a ciamal! ( via )
Paolino
Bravo, va a ciamal!
Maria
E mì voo a vùtà la mea tosa...
Paolino
Brava anca lee! Che la vaga!( Maria via )

scena nona
( Paolino, Belzebù,Lella, cerusico )

Paolino
Inscì semm restà in de par nùm! Che pass, finalment! Na podevi pù...Se po respirà on zichinin...Che tranquillità!
Belzebù
Ghè stà certi moment che me sembrava,disemm, de vess al parlament del Perù, tanta l'era la confusion!
Paolino
Al parlament del Perù!? Perché del Perù?
Belzebù
Pudevi no dì de l’Italia… troppo scontato!
( campanello )
Paolino
Addio tranquillità! Ricominciomm...La par striada sta giornava! ( va ad aprire ) ( rientrando ) Franca, te ghet lì on quaj cent lira? Ghè chì vùn che cerca la carità
Lella
Ma che carità d'Egitt! A l'è ol ceruzigh, dottor Sante Dragone!
Paolino
Alora al doveva presentass! Vestì inscì a l'hoo scambià par on barbon, vùn di solit zingar che ghe trà a cercotà!
Cerusico
Pecchè 'o dicce sta fetenzia? Aggio tenuto 'o viagge 'e tre jorni pe' venira in tu ccasa...mò che songo arrivatu sto biello trattamiento aggio a sopportamere...?
Lella
Non s'arrabisca dottore la prego!
Paolino
Ma chi l'è poeu lù che al gà ol diritto d'arrabias in cà mea?
Cerusico
Bbono! Bbono! Statte bbono...!Statte zitto...! Ca tu m'offiendi a mea personalitate...!
Paolino
Se aggio offenduto mì ca colpa gà n'hoo? Lù al sa spiega malament!
Cerusico
Ma è pussibbile ca vuiatte uommene num cappite mai niente?
Lella
Che si calmi, dottore! ...E...lù, scior Paolino, che 'l lassa faa al dotor qui presente...Mì intant voo a ciamà la soa miee...Forsi l'è mej! ( via )( il cerusico compie nel frattempo strani gesti, girando per tutta la scena, seguito ironicamente da Belzebù e da Paolino...- a soggetto )
Cerusico
Partenope 'a serena!...Cumà, cumè e comò!...Pizzifalcò 'sta museca doce...! Chiulì sa vo' chiulà! Zimpete, zampete e zà!
Paolino
Parapunzipunzipà!
Cerusico
Zitte, o guaglione! Chista è 'a dottrina d'u cerusice!...Chista è sapienza 'e Napule! Vieni, si vo' 'e vède lu paraviso...! Accurre appresso a mia... ma tu te tacere...Pusilleco, VVesuvio, o Margellina ..zimpete, zampete e..
Paolino
Zàzà! Oei Lella! La vegna chì subit che ghè sta un pri quo pro! Quest chì l'è mia on zeruzigh, ma on carneval...! Lella, oei! Lella!
Lella
Sa ghè?
Cerusico
Num se puote a travagliari in pace!
Paolino
E lù al ghe ciama travaià a tutta sta messa in scena compagna?
Lella
Che scusi, dottore, la sua ignoransa...Che vegna di là, nell'altra stansa...Là potrà lavorare eglio...con più tranquillezza...
Paolino
Che'l ma scusa se la mia ignoranza l'è mia pari alla soa!( via Lella e cerusico, il quale continua a sproloquiare frasi senza senso )( a Belzebù) A t'è vist che razza de gent me porten chì in cà? Mì sont mia sta bon de dì de no, anca sù tò consili...ma credevi chel se tratava d'on ceruzigh classich...de quej che in buon taliano te disan...:" al se sbiotta, scior! chel tira via anca la pancera...chel tossisca...prego...chel faga trentatrè..." e che te schiscian lì visin al bomborin par vidè se caso mai te gabbiet la pendìce ...Inveci m'ham portà chì on ciarlatan de vùn che pussee de dì parol sensa costrutt al faa no!
Belzebù
L'è stada ona sorpresa anca par mì...Però par intant lassemal agì... videmm doè cal va giò a trà e poeu...
Paolino
E poeu?
Belzebù
E poeu al ciapom par la cabeza e...via di ball! Al sbattom foeura!
Paolino
Te parlat mè on demoni! Però mi voraria che infrattant, prendendo l'esempi do la Lella, al se sbattessa mia giò in sù la mea miee!
Belzebù
Voo de là mì a controllaa! ( via )

scena decima
( Detti, Luigi, dr Kustly )
Paolino
Se 'l ghe fudess mia chì ol Belzebù a damm ona mann, chissà doe saria già finì a quest'ora! Al manicomi, certament!( campanello )L'è nammò finida la sonada? Avanti, venghino signori...ghè post par tucc...
Luigi
Hoo portà ol dottor professor Franz Joseph Kustly, diplomà in psico...
Paolino
Fermass lì! Sò già tuscoss
Professore
Mio sekretario dire che fostra illustrissima referendissima eccellenza essere interessata...
Paolino
Sont mia mì l'interessà...L'è la mè suocera...Adesso io chiamaren e poi voi due parlaren und farem societtatem....eccetera...eccetera...( verso la cucina, quasi gridamdo ) Maria! Maria! La vegna scià che ghè chì on tudesch che la cerca!( al pubblico )Tudesch con tudesca anderan certo d'accordi!
Maria
Eccomi! Vosa no mè on paiasc!
Paolino
Ah! Sarissa mì ol paiasc?! E quel tipo che ghè rivà on moment faa chi al saria, diolami? La monina dol presepi?
Maria
Ogni tanto mio genero al daa fuori on poo di lui!
Professore
Essermene acorgiuto...!
Maria
I cart hinn tutt pront?
Luigi
Ecco!( Maria prende, annuisce, sfoglia, sta per estrarre il libretto degli assegni...)

Scena undicesima
( detti, cerusico, Lella, Franca )

( entra il cerusico, accompagnato da Lella, e Luigi e il professore danno un balzo seguito da esclamazioni varie )
Luigi
Ma lù cosa al faa chi? E vestì in che la manera, poeu?
Professore
Che paiasciada l'è mai questa?
Cerusico
Ah! V'hoo ciapà finalment! E i mè danè? Che fin han faj i mè danè? Brutti porci ladar! Delinquent!
Luigi
Che 'l se calma che ghe spiegarò tutto! Del rest l'è mia cà soa, questa, e al po no vosà come al faa, liberament!
Cerusico
Che 'l se calma lù puttost! E che 'l me daga quel che me speta! Ladar, imbroion che no l'è altar!
(rientra anche Franca)
Professore
L'imbroion te set tì, che t'è giogà su la nostra bona fed! Che t'è cambià i cart in tavola!
Cerusico
Ah! Sarissa mì l'imbruion?! Ma mì foo ciamà la questora e te foo portà ai Miogn, bel'e che subit!
( succede un po' di parapiglia, a soggetto, i tre tentano di venire alle mani )
Paolino
Oè!Oè!oè! Sa l'è tutta sta storia?! Questa chì fina a proeuva contraria l'è ammò cà mea!!( al cerusico ) Ma lù al senti parlaa milanes...l'è mia ol ceruzigh de Napoli?
Cerusico
Macchè! Me sont travestì in che la manera chì pa faa contenta la Lella che, a soa volta, la voreva faa contenta la soa miee, povarina...
Paolino
Faa contenta de chì...faa contenta de là e...e... sbiotamm mì?! ...E lù...l'è mia ol professor dottor de psichiatria Joseph Kù...Kù...Kù...
Professore
Ma neanca par idea! ...Mì sont ol ragionier Peppin Formenti! ( estrae un biglietto da visita che Paolino getta via)
Paolino
E ol motiv de tutta sta mascherada?
Professore
Al dev savè che, essendomi indebitato al gioco, per un para de milion, propi con quel scior lì che'l s'è travestì de ceruzigh...
Paolino
Ol don Sante Ricchione...
Cerusico
Dragone!
Professore
A disevi... essendo pien de debit fina al copin, hoo pensà, inscì in via dol tutto provvisoria, de ùsà quel mezz truchett chì par pudè vegnì in possesso almen d'on quaicoss e mia vess continuament perseguità dal scior Sante Dragone...
Paolino
E quindi de vegnì in cà mea a imbruiamm, porco demoni!( sta per scagliarsi contro di lui, ma Belzebù lo ferma) E tì...tì..Luis, come te entrat in sta borlanda...anca tì te me vorevat faa sù mè on salam?
Franca
Già! Come la podù tradì on'amicizia?
Professore
L'ha faa on debit con mì! Sempar de gioco, se capis!
Maria
Mì capissi pù nient! ( stringe il suo libretto di assegni )
Franca
Ma chi l'avaria mai pensà?! Me par da vess in parlament
Paolino
Chi l'avaria mai pensà! Ol Luis...l'amis di mè barbis...! E ben...! Savì se pensi mì!... Mì pensi che (irato) che dovarì andà foeura tutti de cà mea...E alla svelta! Altriment la questura la ciami mì! Altar che!
...Via!..Via tutti!...Lù, scior cerusico di mè ball...Sante Ricchione...
Cerusico
Dragone, prego, Dragone! ( via )
Paolino
Lù, scior finto professor di matt! ( Professore via )Tì ...anca tì...Luis...che te credevi on amis ... inveci...Via!
Luigi
Ma lassa che te spieghi...!
Paolino
Ghè nient de spiegà! Via, via!( Luigi via )E lee, sciora Lella, anca lee... bella amisa la s'è dimostrada!...Che la voreva continuà la tresca in cà mea col sò amante Ricchione!...
Lella
Dragone!( via )
Paolino
Dragone o ricchione o imbroglione l'è istess!La cambia no la sonada! Via! Ve voeuri pù in cà mea! Chì a resti domà in compagnia do la mè miee, alla quale ghe voeuri pusse ben de prima, e anca ...anca in compagnia do la mea suocera...sì...anca lee la po restà...parchè dopo avè tirà tucc i somm, l'è sempar stada al mè fianch...e la ma mai imbruià! ..Anca se ona quaj volta emm resià...faa nagott! L'è mia on resià de cattiveria...ma on resià de quej che...in fond in fond...ma propi in fond...se voeuren ben...

scena ultima
( Franca, Maria, Paolino e Belzebù )

Paolino
Hinn andà via tutti? ( pausa, si guarda attorno, non ancora persuaso ) Che pass! Come se sta ben accanto ai person che se voeur ben!... Ma scusè on attim, donn, per l'oltima volta, vel giuri, a l'è prpi l'oltima volta da bon, lassem spujà ol goss on poo de per mì!( a Belzebù ) Oei! Belzebù! Cossa ten disat tì de sto mond? Come l'andada a finì la tò inchiesta?
Belzebù
L'è finida in ona come se ciama gran ciolada!
Paolino
E parchè mai?
Belzebù
Sont vegnì a capo de nagott! L'è propi vera che i donn ne sann vuna possè dol diavol. Sont restà, come se ciama, senza parol.
Paolino
E mò se te faret?
Belzebù
Tornerò giò all'inferno e ghe disarò al mè resgiò i mè impression... quel cioè che hoo pudù costatà in cà toa, grazie anca a tì...
Paolino
Inscì te me lasset?
Belzebù
Credi che te gabbiat pù necessità de videmm...
Paolino
Ma...ma...la Franca?
Belzebù
Quela l'era in dol patto ch'emm faj...Te la lassi,disemm, tutta par tì...La parola l'è parola...Ma
Paolino
Ma?
Belzebù
Lamèntass mia, dopo, eh!?
Paolino
Certo che no! Te m'è levà ona preja dol stomigh!
Belzebù
Arrivederci!
Paolino
Che arrivederci?...Addio! E..par sempar!...Almeno...sperèmm!( alle donne )Ben! Hoo finì de parlà de per mì! Voeuri propi festeggià de vessom liberà de tutti i diavolerij ch'hinn entrà dentar in stà cà!
( si alza, prende una bottiglia e tre bicchieri, ritorna a sedersi )L'è vin bon, quest chì! L'è vin santo!
Franca
( mentre Paolino versa da bere )Mò che l'è passà tuscoss... che te set calmà... voeuri prpi cuntat sù on
quel che m'è capità ona nocc...Se ved che avevi mangià tropp... vers i tre or, tre e on quart, me desedi e, girando i oeucc da la toa part...a m'è parù d'avè vist on brutt moson,tutt negar, inscì 'ndol
dormiveglia...a m'è parù anca d'avel tocà...al ma pareva chel scotass perfina... mè on tizzon ardent... e tra l'altar, in fond a la s'cena, a m'è pars d'avè vist on cudìn scodinzonent...
Paolino
Doe t'è ditt che 'l stava sta brutta bestia?
Franca
In dol… come se ciama… nostar lecc, naturalment...
Paolino
O Signor...! Scusè, donn, gò bisogn de parlà on'altra volta in de par mì! ( via )



CALA LA TELA



Torna ai contenuti